Fitch Ratings ha peggiorato dall'1,5% all'1,2% la stima di crescita del Pil della Russia nel 2019, dopo il deludente dato comunicato dalla Rosstat relativo all'espansione economica del primo trimestre (scesa allo 0,5% annuo dal 2,7% del quarto trimestre 2018). L'agenzia di rating è ancora però convinta che la crescita del Pil di Mosca possa accelerare all'1,9% nel 2020 e nel 2021, grazie all'avvio del colossale piano quinquennale d'investimenti in infrastrutture e sociale. Il piano è partito in sordina quest'anno ma Vladimir Putin scommette sulla sua riuscita per rivitalizzare l'economia del Paese. Complessivamente si parla d'investimenti al 2024 per 27.000 miliardi di rubli (pari a quasi 380 miliardi di euro). Il peggioramento dell'outlook da parte di Fitch fa seguito a quella della World Bank che a inizio mese aveva ridotto dal 2,9% al 2,6% la stima di crescita del Pil globale nel 2019. L'istituto con base a Washington aveva parimenti tagliato dall'1,5% all'1,2% la previsione di espansione economica della Russia quest'anno (confermando all'1,8% l'outlook per 2020 e 2021).

(RR - www.ftaonline.com)