Prima seduta della settimana al rialzo per lo S&P500 che guadagna lo 0,56%. Il mercato crede ad una rapida campagna di somministrazione dei vaccini per combattere la pandemia di coronavirus: domenica fonti del governo americano hanno dichiarato che il vaccino di Pfizer potrebbe già essere somministrato agli operatori sanitari per metà dicembre. Resta positivo il sentiment nei confronti dell'economia, Markit ha reso noto che nel mese di novembre l'Indice PMI Manifatturiero (stima preliminare) e' salito a 56,7 punti dai 53,4 punti del mese precedente. Il dato è superiore alle attese degli analisti che avevano previsto un calo a 53,0 punti. Nonostante il saldo positivo sul fronte grafico lo S&P500 non ha inviato segnali particolarmente interessanti, servirebbe infatti la rottura di area 3600 per aprire la strada al ritorno sul record del 9 novembre a 3646 punti. Il superamento anche di quei livelli metterebbe fine alla fase correttiva vista nelle ultime due settimane prospettando l'avvio di una nuova fase rialzista potenzialmente estesa, con obiettivi fino ai 4000 punti. Il mancato superamento di 3600 e la violazione di area 3555, media mobile esponenziale a 10 giorni sulla quale poggiano i minimi delle ultime tre sedute, potrebbero anticipare invece discese verso i 3480 punti. Ribassi fino in quell'area potrebbero dimostrarsi solo una flessione temporanea, la violazione di 3480 farebbe invece temere un approfondimento della discesa almeno fino alla base del gap del 4 novembre posta a 3390 punti circa.

(AM)