Al sensi dell'art. 130 del Regolamento CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato (il "Regolamento CONSOB") e delle applicabili norme del d.lgs. n. S8 del 24 febbraio 1998, si rende noto che, in data 21 gennaio 2016, Giuseppe Saleri S.a.p.A. ("Saleri") e *Quaestio Capital Management S.G.R. *S.p.A., per conto del fondo ITALIAN GROWTH FUND, un comparto del fondo di investimento aperto QUAMVIS S.C.A., SICAV-FIS ("Quaestio") hanno sottoscritto un patto parasociale (il "Patto Parasociale") contenente pattuizioni relative (i) alla nomina di un amministratore di Sabaf (come di seguito definita al punto 1) di designazione di Quaestio, previo incremento del numero del componenti del consiglio di amministrazione di Sabaf dagli attuali 11 a 12; (ii) a una proposta di modifica dell'attuale statuto di Sabaf al fine di garantire una maggiore rappresentanza delle minoranze; (iii) a un impegno di Quaestio a non alienare le partecipazioni di Sabaf -acquisite con l'esecuzione del contratto di compravendita di partecipazioni concluso con Saleri in data 21 gennaio 2016 (il "Contratto di Compravendita") - fino al 31 dicembre 2017.

II Patto Parasociale è divenuto efficace in data 30 marzo 2016 a seguito dell'esecuzione, in pari data, del Contratto di Compravendita. Saleri e Quaestio pubblicano le informazioni essenziali del Patto Parasociale con le modalità di cui all'art. 130 del Regolamento CONSOB.

*1. Società i cui strumenti finanziari sono oggetto del Patto Parasociale *
La società, i cui strumenti finanziari sono oggetto del Patto Parasociale, è *Sabaf *S.p.A., società di diritto italiano, con sede legale in Ospitaletto, Via dei Carpini n. 1, capitale sociale Euro 11.533.450,00, P. IVA 01786910982, numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Brescia e codice fiscale 03244470179, n. REA BS - 347512, le cui azioni sono quotate presso il segmento STAR del Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. ("Sabaf").