Nuova seduta in rialzo oggi per Saipem che, dopo aver chiuso la giornata di ieri con un rally di oltre il 4%, oggi ha vissuto una giornata volatile, terminando gli scambi in salita.

Il titolo si è mosso in controtendenza rispetto al Ftse Mib e si è fermato a 2,066 euro, con un progresso dello 0,44% e quasi 9 milioni di azioni scambiate, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 11,6 milioni di pezzi.

Saipem ha mostrato i muscoli oggi, senza farsi condizionare dalla caduta verticale del petrolio che viaggia in area 21 dollari, con un affondo di oltre il 22%.



Il titolo non è stato condizionato neanche dalle cattive notizie arrivate da Morgan Stanley che ha deciso di tagliare il giudizio da "overweight" ad "equalweight", con un prezzo obiettivo ridotto da 5,8 a 2,4 euro.

La banca Usa in una nota dedicata al comparto degli oil services, segnala che  stiamo entrando in un territorio inesplorato, tagliando le sue stime sul prezzo del petrolio a 30/35 dollari al barile nel 2020.

Per una ripresa a 40-45 dollari bisognerà attendere il prossimo anno, motivo per cui gli analisti hanno deciso di ridurre stime e target price sul comparto.