Settore petrolifero molto debole in scia alla flessione del greggio: toccati i minimi da marzo. Sotto pressione Saipem -4,9% a causa della trimestrale peggiore delle attese di Seadrill (-16,9% al NYSE). Nel trim1 2019 il gruppo attivo nelle trivellazioni offshore ha accusato una perdita netta di 295 milioni di dollari contro i 237 del consensus e prevede per il secondo trimestre un EBITDA adjusted in calo a 55 milioni da 72 nel primo.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)