Dopo il buon recupero messo a segno nelle ultime due sedute e in particolare in quella di ieri, archiviata con un rally di oltre il 3%, Saipem è tornato a perdere terreno oggi, registrando la peggiore performance nel settore oil a Piazza Affari.

Il titolo ha terminato gli scambi in calo a 4,146 euro, con un calo dell'1,05% e oltre 6 milioni di azioni trattate, al di sotto della media degli ultimi 30 giorni pari a circa 8,3 milioni di pezzi. 

Saipem ha recuperato qualche posizione dai minimi prima del close, grazie alla risalita del Ftse Mib e all'inversione di rotta registrata dal petrolio, ora in rialzo al di sopra dei 62 dollari al barile.

Il titolo non ha beneficiato oggi della conferma bullish arrivata da Societè Generale, i cui analisti hanno ribadito la raccomandazione "buy", con un prezzo obiettivo a 5,9 euro.

In occasione di un roadshow tenutosi a Parigi, gli analisti hanno apprezzato la previsione cautamente ottimistica di Saipem, malgrado il 2019 sia considerato un atto di transizione molto importante.

Societè Generale crede che il gruppo potrà beneficiare dell'iniziativa cinese "Belt and Road", che rappresenta per un'opportunità di lungo termine più che di breve.