In una seduta in positivo per l'Asia (a Tokyo il Nikkei 225 ha guadagnato però solo lo 0,11%), le piazze cinesi si allineano al clima rialzista innescato soprattutto dall'ottimismo circa l'arrivo di un vaccino che possa fermare l'epidemia di coronavirus. I test iniziali sull'uomo di un trattamento sviluppato da Pfizer insieme alla tedesca BioNTech hanno evidenziato una buona tolleranza da parte dei pazienti. Ottimismo che controbilancia i timori legati ai nuovi record di contagi registrati in Stati Usa come California e Texas. Alla fine Shanghai Composite e Shanghai Shenzhen Csi 300 accelerano i guadagni e segnano progressi del 2,13% e del 2,07% rispettivamente, contro il rialzo dell'1,25% dello Shenzhen Composite. Molto bene Hong Kong: l'Hang Seng guadagna infatti il 2,85% (fa anche meglio l'Hang Seng China Enterprises Index, sottoindice di riferimento nell'ex colonia britannica per la Corporate China, in rally del 3,06%). In precedenza era stata dell'1,36% la crescita del Kospi di Seoul.

(RR - www.ftaonline.com)