Il Consiglio di Amministrazione di SIT, società quotata sul segmento MTA di Borsa Italiana, nella riunione odierna presieduta da Federico de' Stefani, Presidente ed Amministratore Delegato di SIT, ha approvato i risultati consolidati del primo semestre 2020.

"Ci lasciamo alle spalle sei mesi sicuramente imprevedibili e difficili, fronteggiati al meglio dall'intero team manageriale, così come ci è stato anche formalmente riconosciuto dai nostri principali clienti" ha dichiarato Federico de' Stefani, Presidente ed Amministratore Delegato di SIT S.p.A..

"Ora il clima è decisamente cambiato ed abbiamo iniziato a recuperare ricavi e marginalità ai livelli antecedenti alla pandemia. Se da un lato nel primo semestre dell'anno abbiamo gestito il contingente, dall'altro non abbiamo mai rinunciato alle progettualità strategiche, anche lavorando intensamente sul fronte M&A. In questo senso, a luglio abbiamo annunciato l'apertura di un nuovo stabilimento produttivo in Tunisia, che permetterà di rafforzare il posizionamento e la competitività di SIT".

Nel primo semestre 2020 SIT ha conseguito:

  • Ricavi consolidati pari a Euro 133,4 milioni (-20,3% rispetto al primo semestre 2019);

  • Vendite della Divisione Heating per Euro 104,7 milioni (-15,0% rispetto al primo semestre 2019);

  • Vendite nella Divisione Smart Gas Metering per Euro 27,2 milioni (-36,0% rispetto al primo semestre 2019);

  • EBITDA consolidato pari a Euro 15,2 milioni (-28,3% rispetto al primo semestre 2019);

  • Utile netto consolidato pari a Euro 3,8 milioni (-15,5% rispetto al primo semestre 2019);

  • Posizione finanziaria netta al 30 giugno 2020 pari a Euro 88,9 milioni (78,4 milioni di Euro di fine 2019).

Nel secondo trimestre 2020 i risultati sono:

  • Ricavi consolidati pari a Euro 59,9 milioni (-30,9% rispetto al secondo trimestre 2019);

  • Vendite della Divisione Heating per Euro 48,3 milioni (-20,8% rispetto al secondo trimestre 2019);

  • Vendite nella Divisione Smart Gas Metering per Euro 10,8 milioni (-56,4% rispetto al secondo trimestre 2019);

  • EBITDA consolidato pari a Euro 6,2 milioni (-27,8% rispetto al secondo trimestre 2019).

I principali trend del periodo:

  • Nel primo semestre il mercato delle caldaie a gas nei principali paesi Europei è calato del 16,7% rispetto al primo semestre 2019 (Fonte: EHI – European Heating Industry), -27,3% la variazione del solo secondo trimestre;

  • Nel secondo trimestre, pur assicurando continuità operativa e mantenendo solide relazioni con i clienti e fornitori, SIT ha risentito degli effetti derivanti dal lockdown per Coronavirus con una contrazione dei ricavi di circa il 30% rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso;

  • Nel trimestre in analisi, le operazioni di contenimento dei costi e la tempestiva attuazione di azioni di flessibilità hanno permesso di contenere l'impatto sui margini operativi ottenendo un EBITDA in diminuzione del 27,8% rispetto allo stesso periodo del 2019;

  • Nel contesto di incertezza determinato dal Covid, SIT ha ottenuto dal sistema bancario nuova finanza non garantita per complessivi Euro 35,5 milioni.

(GD - www.ftaonline.com)