La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

Anima Holding

Arretra Anima Holding (-2,17%) dopo aver fallito il confronto con la media mobile a 100 giorni, ostacolo dinamico attualmente a 6,97 circa. Oltre questo riferimento possibile estensione della reazione verso i massimi estivi a quota 7,31. Oltre questo livello attesa la ricopertura del gap ribassista lasciato aperto il 7 gennaio 2016 a 7,52 euro e successivamente di quello del 4 gennaio a 7,99 euro. Discese sotto i 6,40 euro potrebbero invece favorire l'avvio di una correzione in direzione dei supporti in area 6. Solo la violazione di questo riferimento costringerebbe a rinviare le attese di rialzo e porterebbe alla ricopertura del gap dell'8 giugno a 5,895.
-Target: 7,52 euro
-Negazione: 6,28 euro
-RSI (14): neutrale

*Reply
*
Brusco dietro front per Reply (-8,92%). A giustificare l'improvvisa inversione di marcia, la presenza di una divergenza ribassista tra il grafico dei prezzi e quello dell'oscillatore RSI a 14 sedute. Nell'ultimo slancio del titolo fino a 219 euro, target ottenuto mediante la tecnica del raddoppio del canale disegnato dai minimi del 2014, l'RSI ha infatti smesso di crescere. Ora i corsi dovranno riconquistare il sostegno offerto a 190 circa dalla media mobile a 50 giorni per scongiurare ripiegamenti verso area 172, linea che sale dai minimi di dicembre 2016.