La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

Saipem

Gran rimbalzo per Saipem (+10,82%) che si riaffaccia sui massimi di metà ottobre a 3,58 e tenta la rottura della media mobile a 20 giorni. Conferme in tal senso riproporrebbero un confronto con la resistenza a 3,70, oltre la quale diverrebbe possibile il test di 3,85 e 4,09, rispettivamente top e bottom di maggio. Ritorno alla debolezza invece sotto 3,25 con conferme negative sotto 3,16 euro.
-Target: 3,85 euro
-Negazione: 3,25 euro
-RSI (14): neutrale

*Finecobank *

Prova di forza per FinecoBank (+6,06%) che sale sul livello più alto dal 2015 a 7,79 euro lasciandosi alle spalle la resistenza tenace a 7,60 circa. Il titolo potrebbe ora ambire a target posizionati in area 8 e più in alto a 8,40 circa, lato alto del canale che sale dai minimi di un anno fa. Il ritorno perentorio sotto 7,60 anticiperebbe invece un test della base del canale a 7,23 circa, baluardo strategico che dovrà rimanere intatto per mantenere stabile la struttura rialzista di fondo.
-Target: 8 euro
-Negazione: 7,60 euro
-RSI (14): neutrale

Safe Bag

Safe Bag (+15,62%) tenta di scrollarsi di dosso la debolezza vista nelle ultime sedute e risale la china verso 5,57, top del 19 ottobre. Una vittoria su questo ostacolo aprirebbe spazi di ripresa verso 7 euro circa, massimo raggiunto all'inizio dell'anno. Sviluppi positivi duraturi nel medio termine oltre questo riferimento. Segnali di debolezza invece sotto 4 euro circa.