La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

Esprinet

Esprinet (-0,22%) riesce a dare continuità alla reazione partita in settimana e si prepara ad attaccare il picco di gennaio a quota 4,745. Oltre questo ostacolo il movimento potrebbe estendersi fino a 5/5,10 euro e fino a target compresi tra 5,65 e 5,80. Sotto 3,90 atteso un nuovo test dei minimi di novembre a 3,71 euro.
-Target: 5,10 euro
-Negazione: 3,90 euro
-RSI (14): neutrale
*
Autogrill*

Autogrill (+3,84%) riconquista quota 11 ma dovrà fare uno sforzo maggiore per riattivare l'uptrend di lungo corso. Conferme oltre 11,60/11,70 permetterebbero di guardare a obiettivi su un livello ipotizzabile a 13 euro circa. Solo discese sotto 10,50 circa minerebbero la struttura spiccatamente rialzista di breve termine favorendo il test dei minimi estivi a 9,90 circa.
-Target: 13 euro
-Negazione: 10,50 euro
-RSI (14): neutrale
*
El.En.*

El.En. (+4,61%) risale velocemente la china in direzione dei massimi di inizio mese a 29,74 euro. Sviluppi positivi duraturi nel medio termine giungerebbero oltre area 30, preludio al ritorno a 31,35 euro, poi sui massimi dello scorso anno a 34,38 euro. La struttura rialzista di breve termine verrebbe invece indebolita da discese sotto area 25, per target negativi a 20,40 circa.
-Target: 30 euro
-Negazione: 25 euro
-RSI (14): neutrale

BB Biotech