La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

La Doria

La Doria (+10,4%) balza oltre i massimi di agosto nel tentativo di lasciarsi alle spalle la media mobile a 50 giorni e con essa la prolungata fase ribassista partita lo scorso inverno. Movimenti oltre 11,55/11,60 offrirebbero ulteriori spunti per una vera e propria inversione del trend aprendo la strada al ritorno a 12,57/12,60 euro. Pericoloso invece il ritorno sotto area 10.
-Target: 11,60 euro
-Negazione: 10 euro
-RSI (14): neutrale

Brunello Cucinelli

Brunello Cucinelli (+2,22%) tenta di opporsi alle vendite partite dai record di agosto a 41,7 euro, a dovrà riportarsi stabilmente sopra area 35/35,10 per inviare segnali concreti di ripresa. La perdita del sostegno offerto dalla trend line disegnata dai minimi di marzo e passante proprio da quest'area ha infatti deteriorato il quadro grafico di breve. Oltre area 40 atteso un allungo verso i record ed eventualmente verso target ipotizzabili a circa 43,80 euro. Flessioni sotto 31,40 negherebbero tali attese comportando un avvitamento al ribasso.
-Target: 43,80 euro
-Negazione: 31,40 euro
-RSI (14): neutrale

*Mondo TV
*
Resta elevata la volatilità su Mondo TV (+1,38%) che non riesce a lasciarsi alle spalle la fase laterale sviluppatasi negli ultimi mesi. Oltre 4,73 circa, linea che unisce i massimi di maggio, giugno e luglio, giungerebbero segnali positivi per target a 5 circa. Indicazioni di segno contrario giungerebbero invece sotto 3,77 euro, per i supporti a 3,40 circa, minimi di luglio e livello più basso dall'estate del 2016.