La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).
*
Ascopiave*

Ascopiave (+0,17%) resta aggrappata a supporti strategici a 2,90/2,92, minimi di inizio mese e linea che sale dai bottom del 2012. Già a luglio i prezzi erano scesi a sondare la consistenza di questo sostegno dinamico riuscendo poi a reagire. Oltre 3,055 il titolo potrebbe quindi riuscire a risalire la china verso 3,21 e 3,56 circa, massimi allineati di maggio e agosto, un ostacolo critico in ottica temporale più estesa. Sotto 2,90 resterebbe invece solo area 2,84 a scongiurare ripiegamenti più ampi.
-Target: 3,21 euro
-Negazione: 2,90 euro
-RSI (14): ipervenduto

Biesse

Biesse (-4,36%) in forte ribasso. Nelle ultime sedute la tendenza negativa ha assunto toni preoccupanti: il titolo ha accelerato al ribasso dopo la violazione dei minimi di agosto a 27,74 euro, toccando a 23,70 il livello più basso da aprile 2017 con un rischio elevato di affondo fino ad area 20. Il ritorno sopra 27,74 dovrà essere seguito dalla rottura della media mobile a 50 giorni, resistenza a 31,28 circa, per intravedere spazi convincenti di ripresa.
-Target: 27,74 euro
-Negazione: 23,70 euro
-RSI (14): neutrale

Beni Stabili

Beni Stabili (+0,69%) sfrutta un supporto dinamico per rimbalzare, la linea che sale dai minimi di novembre 2016 in transito a 0,71 circa. Movimenti oltre la media mobile a 50 giorni, riferimento a 0,75 circa, creerebbe le premesse per un nuovo confronto con la resistenza orizzontale a 0,77/0,80, massimi allineati del 2008 e 2015. Una vittoria definitiva su questi ostacoli invierebbe un segnale di miglioramento valido nel lungo periodo per target a 0,90 almeno. Se invece area 0,70/0,71 dovesse saltare, diverrebbe possibile un brusco ripiegamento verso almeno area 0,64/0,66.