La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

Technogym

Technogym (+3,95%) torna a crescere dopo la pausa riavvicinandosi ai recenti record a 11,70 euro circa. La permanenza sopra area 11 permette di credere in una ulteriore estensione al rialzo verso target a 13 e 13,20 circa. Sotto 11 euro invece rischio di discese fino a 9,75 circa, linea che sale dai minimi di novembre 2016. -Target: 11,70 euro -Negazione: 11 euro -RSI (14): neutrale

Ascopiave

Ascopiave (-1,16%) prosegue senza sosta il movimento ascendente avviato lo scorso autunno da 2,81 euro circa, avvicinandosi alle resistenze tenaci a 3,56 circa, massimi allineati di maggio e agosto. Oltre questo limite possibili sviluppi positivi nel medio lungo termine per target a 3,81 e più in alto a 4,30 circa. Rischio di indebolimento del quadro grafico invece sotto 3,29/3,30. -Target: 3,21 euro -Negazione: 2,90 euro -RSI (14): ipervenduto

Aeffe

Aeffe (+4,58%) resiste sopra supporti a 2,80 circa, in attesa di nuovi spunti per riaffacciarsi sulla resistenza a 3,10 euro circa. Oltre questo riferimento si aprirebbero poi nuovi spazi di crescita verso 3,44 euro, massimi dello scorso maggio. Il mancato superamento di area 3 comporterebbe invece l'invio di segnali di debolezza che potrebbero preludere alla violazione dei supporti a 2,80 preludendo a un affondo verso area 2,55.
-Target: 3,10 euro -Negazione: 2,80 euro -RSI (14): neutrale