La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

Autogrill

Autogrill supera con slancio la trend line disegnata dai massimi dello scorso settembre e il lato superiore del canale che contiene il rialzo dai minimi di dicembre, due linee che si incrociano a 8,33 circa. Una vittoria stabilizzazione oltre questi riferimenti spianerebbe la strada al ritorno in area 8,90 circa, quota pari al 38,2% di ritracciamento del ribasso partito a dicembre 2017 e massimi praticamente allineati di ottobre e novembre. Sotto area 8, invece, rischio di cali verso 7,75/7,80 circa, poi supporto a 7,40, base del citato canale.
-Target: 8,90 euro
-Negazione: 8 euro
-RSI (14): neutrale

Gima TT

Quadro grafico negativo per Gima TT nonostante il tentativo di rimbalzo. Il titolo ha recentemente violato a 6,25 circa il supporto definito dai minimi allineati di dicembre e febbraio, riattivando il prolungato ribasso in atto da gennaio 2018. Per il momento la base del canale ribassista che contiene i movimenti degli ultimi due mesi, a 5,60 circa, riesce a contenere le pressioni al ribasso. Sotto questo riferimento rischio di affondo a 4,60 circa. Per assistere a un miglioramento il titolo dovrà tornare stabilmente sopra 6,50 e tentare la rottura di quota 7.
-Target: 7 euro
-Negazione: 5,60 euro
-RSI (14): neutrale

Biesse

Biesse si muove da maggio 2018 al di sotto della media mobile a 100 giorni, ora in transito a 21,40 circa. Solo il ritorno in pianta stabile sopra questo riferimento getterebbe le basi per un miglioramento duraturo creando le premesse per il ritorno sopra 23 euro ed eventualmente fino a 25 circa. L'incapacità di superare la media mobile citata farebbe invece temere la violazione dei primi supporti a 18,10 euro, preludio a cali fino a 16,15 euro, minimi di fine dicembre.