La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

Mondadori

Le aspettative di crescita di Mondadori (+1,77%) trovano una ferma opposizione negli ostacoli a 1,81/1,85 circa, quota pari al 50% di ritracciamento del ribasso partito nel 2018. Il superamento netto di questo riferimento spianerebbe la strada verso quota 2/2,07. Diversamente sul grafico continuerà a incombere lo spettro di nuovi cali che sotto area 1,50 assumerebbero toni preoccupanti.
-Target: 2 euro
-Negazione: 1,50 euro
-RSI (14): neutrale

BE THINK

BE Think, Solve, Execute S.p.A. (+3,58%) accelera sui massimi di inizio mese a circa 1,10 segnalando l'intenzione di sferrare l'attacco risolutivo a questo ostacolo, coincidente con i massimi di gennaio 2018. La rottura di questa resistenza spianerebbe la strada verso i top del 2017 a 1,267 euro. Il ritorno sotto 0,98 comporterebbe invece l'invio di segnali di debolezza ma solo discese sotto 0,87 potrebbero compromettere le attese di crescita preludendo al ritorno sulla base a 0,80 circa.
-Target: 1,10 euro
-Negazione: 0,87 euro
-RSI (14): neutrale

Saipem

Saipem (-0,33%) viene respinta da un ostacolo determinante a circa 5 euro, pari al 78,6% di ritracciamento del ribasso dal top di ottobre 2018 a 5,52, muovendosi sopra la media mobile a 20 sedute, passante da 4,79 circa. La permanenza sopra questo riferimento permette di credere che il titolo possa tentare un nuovo attacco alla resistenza, oltre la quale potrebbe ambire al test di 5,52 euro. Diversamente saranno possibili nuovi ripiegamenti verso area 4,60 e più in basso fino a 4,37, gap del 28 febbraio. .