La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

Piaggio

Piaggio (+0,33%) rimbalza con decisione al test del top di marzo a 2,41 circa. La permanenza sopra quest'area lascia intendere che il titolo abbia ancora energie sufficienti per prolungare l'uptrend in atto dallo scorso dicembre in direzione di 2,70 circa, poi a 2,86, top di fine 2017. Sotto quota 2,38 rischio invece di cali verso i primi supporti a 2,30 euro circa.
-Target: 2,86 euro
-Negazione: 2,30 euro
-RSI (14): neutrale

Interpump

Interpump (+0,63%) tenta di cancellare il ribasso di lunedì e ripercorre a ritroso la candela di ieri. I prezzi hanno messo sotto pressione la media mobile esponenziale a 20 sedute, a 32,20 circa, che per il momento è riuscita a contenere l'ondata di vendite. Sotto questo riferimento la flessione potrebbe estendersi verso le ex resistenze a 29,30 circa. Nuovi sviluppi positivi invece al superamento di 33,70 circa per obiettivi a 35,40 euro.
-Target: 35,40 euro
-Negazione: 32,20 euro
-RSI (14): neutrale

Amplifon

Nuovo sprint per Amplifon (+9,95%) dopo la lateralità vista nelle ultime due settimane sopra i supporti a 16,65/16,70. La rottura dellla resistenza a 18 euro (quota pari al 61,8% di ritracciamento del ribasso partito lo scorso autunno) rappresenta un segnale di forza signifcativo che potrebbe portare verso target a 19,20 e 20,70 euro. Sarà fondamentale in tal senso la tenuta di area 16,65 per scongiurare un repentino deterioramento delle prospettive grafiche verso i minimi di febbraio a quota 15,45 euro e più sotto fino ai minimi di dicembe a 13,42 euro.