La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

Fincantieri

Fincantieri (+3,28%) tenta in avvio di ottava di lasciarsi alle spalle una duplice resistenza a 0,94 circa, la media mobile esponenziale a 50 giorni e la trend line che scende dai massimi del 2018. Una vittoria su questi ostacoli aprirebbe la strada al ritorno sui massimi di settembre a circa 1 euro e successivamente a quelli di luglio a 1,055. Servirà però la rottura del 38,2% di retracemente del ribasso dell'ultimo anno, a 1,075, per sostenere un recupero convincente verso area 1,20. Nella direzione opposta discese sotto 0,8910 negherebbero le attese di recupero. -Target: 1,20 euro
-Negazione: 0,8910 euro
-RSI (14): neutrale

*Reno De Medici
*
Reno De Medici (+5,05%) balza sui massimi di settembre a 0,75 circa, a contatto con il lato superiore del canale che sale dai minimi di maggio. Una vittoria su questo ostacolo favorirebbe un'accelerazione del movimento partito ad agosto verso obiettivi a 0,807 almeno, massimi dell'anno toccati a febbraio. Nella direzione opposta, sotto area 0,70 giungerebbero invece segnali di debolezza ma solo discese sotto 0,66/0,67, media mobile a 50 giorni, costringerebbero i prezzi a ripiegare verso la base del canale a 0,60 circa.

-Target: 0,807 euro
-Negazione: 0,67 euro
-RSI (14): neutrale

*Gamenet
*
Gamenet (+3,77%) preme sull'acceleratore e continua a macinare nuovi record, a 13,42 euro, dopo il superamento del picco di settembre a 12 euro. La corsa del titolo potrebbe proseguire in territorio inesplorato se non fosse presente tra il grafico dei prezzi e l'RSI a 14 sedute una divergenza potenzialmente ribassista: il perentorio ritorno sotto quota 12 potrebbe dunque favorire delle prese di beneficio sebbene solo la ciolazione della media mobile a 50 giorni, passante da 10,87, farebbe vacillare l'uptrend di fondo.