La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).
*
Elica
*
Elica (+3,91%) balza sul livello più alto da due anni a 2,68 euro, superando con un evidente gap rialzista la trend line che scende dai top di ottobre 2017 già messa sotto assedio a settembre e a inizio ottobre. Buone le possibilità di raggiungere a 2,97 euro i top del 2017. Resistenza successiva in area 3,10. Al contrario, discese sotto 2,43 comporterebbero un affondo sulla linea che sale dai minimi di fine 2018 a 2,13 circa.
-Target: 2,97 euro
-Negazione: 2,43 euro
-RSI (14): neutrale

Cairo Communication

Cairo Communication (+4,24%) si riaffaccia sui massimi di settembre a 2,44 euro e prova a lasciarsi alle spalle la media mobile esponenziale a 50 giorni, passante da 2,34 circa. , livello coincidente ai minimi di ottobre 2018. Conferme positive giungerebbero oltre 2,60, 23,6% di retracement del ribasso partito a marzo, per target a 2,88 e 3 euro. Indicazioni negative giungerebbero invece sotto 2,28, preludio a un nuovo test dei minimi estivi a 2,15 circa.
-Target: 3 euro
-Negazione: 2,28 euro
-RSI (14): neutrale

OVS

La reazione di OVS (+0,27%) è al banco di prova:il titolo si è riaffacciato sui massimi allineati di luglio e settembre a 1,88 circa, ma dovrà lasciarsi alle spalle anche il top di aprile a 1,99 per confermare le aspettative di crescita. Una vittoria decisa su questi ostacoli aprirebbe spazi di ripresa verso 2,35 almeno. Target successivo a 2,85/2,90. Al ribasso sotto 1,73 rischio di assistere a una nuova fase di debolezza per supporti a 1,55 circa.