La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

Telecom Italia

Telecom Italia (+0,13%) positiva in avvio di ottava in attesa di nuovi spunti per estendere movimento rialzista avviato ad agosto oltre la resistenza offerta a 0,54 dal 23,6% di ritracciamento del ribasso dal top di aprile 2018. Conferme in tal senso aprirebbero spazi di crescita verso 0,573, top del 7 marzo, poi fino a target a 0,60 circa, linea che scende dai massimi del 2015. Sotto 0,522, linea che sale dai minimi di agosto, coincidente con la media mobile esponenziale a 50 sedute, rischio invece di cali fino a 0,484 almeno.
-Target: 0,5573 euro
-Negazione: 0,552 euro
-RSI (14): neutrale

Safilo

Safilo (+12,26%), prende velocità il rimbalzo avviato da 0,99 circa, dopo la rottura della trend line tracciata dai top di maggio, a 1,14/1,15 circa. Il titolo potrebbe raggiungere facilmente i massimi di maggio a 1,1840 e più in alto tentare la ricopertura del gap lasciato aperto lo scorso 3 dicembre a 1,408. Il ritorno sotto quota 1,14 negherebbe il recente segnale di forza aprendo la strada al test dei supporti a 0,94 poi fino a quota 0,84.

-Target: 1,1840 euro
-Negazione: 1,14 euro
-RSI (14): ipercomprato

Banca Sistema

Banca Sistema (+6,74%) rompe al rialzo una duplice resistenza a 1,74 euro circa, massimi di inizio anno e trend line che scende dai top del 2017, rilanciando l'ipotesi rialzista per target in prima battuta a1,86 circa, minimo di maggio 2018, poi a quota 2. La violazione di area 1,63 costringerebbe invece a rinviare tale ipotesi inviando segnali di debolezza preludio a un nuovo test del triplo minimo a 1,48/1,50.