La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

Molmed

Molmed (+4,71%) balza sui massimi di novembre a quota 0,3710 circa lasciando intendere la volontà di estendere la reazione almeno fino a 0,40, per il test dei top di settembre e per la chiusura del gap ribassista lasciato aperto il 28 giugno. La rottura della linea che scende dai massimi di inizio 2018, in transito su questi livelli anticiperebbe sviluppi importanti al rialzo per target a 0,465 sui massimi di aprile. Sotto 0,325 e alla violazione di 0,3160 via libera invece verso 0,2760 euro circa.
-Target: 0,40 euro
-Negazione: 0,3160 euro
-RSI (14): neutrale
*
Banca Ifis*

Banca Ifis (+4,38%) sta cercando di recuperare terreno dopo la discesa vista a novembre. Il titolo dovrà tornare stabilmente sopra la media mobile a 50 sedute, passante da 14,20, per inviare segnali di miglioramento e ambire a un riavvicinamento a quota 16/16,20, resistenza tenace nel medio breve termine. Discese sotto 13,15 comporterbbero invece l'affondo in area 12,50 almeno.
-Target: 16 euro
-Negazione: 13,15 euro
-RSI (14): neutrale

*Elica *

Movimenti laterali per Elica (+0,84%), dopo il return move in area 2,90/3 per un test dall'alto del top di ottobre 2017. Fondamentale la permanenza sopra questo riferimento per continuare a sponsorizzare l'ipotesi rialzista per obiettivi che oltre 3,52 euro si posizionano a 3,85 e 4 euro sui massimi pluriennali del 2007. Sotto area 2,90 rischio di violazione della media mobile a 50 giorni in transito a 2,78 circa.