La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

Aeffe

Aeffe (+2,25%) resiste sopra i massimi di luglio a 2 euro circa, in attesa di spunti per superare gli ostacoli 2,15/2,20 circa, livello coincidente con gli ex supporti definiti dai minimi di fine 2018. Conferme in tal senso riattiverebbero l'uptrend di breve termine verso target a 2,75 circa, per il test della trend line che scende dai top del 2018. Nella direzione opposta, sotto area 1,81circa, media mobile a 50 sedute, pericolo di deterioramento verso i minimi di ottobre a 1,312.
-Target: 2,75 euro -Negazione: 1,81 euro -RSI (14): neutrale

Trawell

TraWell (+5,26%) torna all'attacco della media mobile a 50 sedute, passante da 42,90/43 euro nel tentativo di risalire la china verso 68,84 euro, poi 89,30 euro, base del gap lasciato aperto il 5 agosto. Nella direzione opposta, discese sotto 37,10 metterebbero nel mirino il supporto critico a 31,20 circa, la cui violazione riattiverebbe il downtrend verso i minimi del 2016/2017. -Target: 68,84 euro -Negazione: 37,10 euro -RSI (14): neutrale

Generali

Generali (+0,34%) ha interrotto la reazione partita a dicembre in area 18,60, 38,2% di retracement della fase di consolidamento avviata a novembre. Il titolo dovrà spingersi oltre 18,80/18,90 euro per segnalare l'intenzione di rivedere i massimi di novembre a 19,63: conferme in questo senso giungerebbero oltre area 19. Discese sotto 18 amplierebbero invece la fase correttiva per i target a 17,70 e 17,25 euro. -Target: 19,63 euro -Negazione: 18 euro -RSI (14): neutrale