La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

Salvatore Ferragamo

Ferragamo (+0,09%) si allontana dalla resistenza a 12,40 circa, media mobile a 100 giorni, muovendosi lateralmente. Solo oltre questo limite le quotazioni potrebbero recuperare terreno e dare seguito alla reazione partita a marzo per target a 14,80 circa, massimi di giugno. Segnali di debolezza sotto quota 11.

  • Target: 14,80 euro
  • Negazione: 11 euro
  • RSI (14): neutrale

Reno De Medici

Reno De Medici (-1,10%) balza oltre i massimi di novembre 2019 a 0,93 euro ma poi arretra. Solo nel caso di stabilizzazione oltre questo limite il titolo potrebbe allungarsi verso i record del 2018 a 1,17 euro. Target intermedio a 1,04/1,05, lato alto del canale che sale dai minimi di marzo. Indicazioni negative invece sotto area 0,80, base del canale, per supporti a 0,738, media mobile a 100 giorni.

  • Target: 1,05 euro
  • Negazione: 0,80 euro
  • RSI (14): ipercomprato

Banca Intermobiliare

Banca Intermobiliare (+1,62%) tenta da alcune settimane di allontanarsi da area 0,046/0,047, consolidandone il supporto. Le quotazioni dovranno tuttavia riportarsi stabilmente sopra la media mobile a 100 giorni, passante da 0,064 circa, per inviare segnali di ripresa convincenti. Atteso in tal caso un allungo verso i top di giugno a 0,079 circa. Al contrario, discese sotto 0,046 porterebbero nuova debolezza verso nuovi record negativi.

  • Target: 0,079 euro
  • Negazione: 0,046 euro
  • RSI (14): neutrale

Enel

Enel (-0,26%) ha trascorso le ultime settimane a ridosso dei supporti a 7,60/7,70, consolidando il precedente rialzo. La tenuta di quest'area dovrà però essere seguita dalla rottura di 8,27 per dare nuova linfa al rialzo intrapreso a marzo, per target sui massimi praticamente allineati di febbraio e luglio a 8,54/8,60. Negative invece discese sotto 7,60 per supporti a 7,40 e 7,10.

  • Target: 8,60 euro
  • Negazione: 7,60 euro
  • RSI (14): neutrale

Unipol

Unipol (+1,05%) è tornata a testare dall'alto, dopo averla superata il 10 agosto, la media mobile esponenziale a 200 giorni passante da 3,87 circa. Il return move su quest'area potrebbe anticipare un nuovo allungo verso obiettivi a 4,40 almeno (lato superiore del canale che sale da marzo e quota pari al 61,8% di ritracciamento del ribasso partito a febbraio). Sotto 3,87 atteso invece un deterioramento verso 3,58. Supporto successivo a 3,45 euro.

  • Target: 4,40 euro
  • Negazione: 3,87 euro
  • RSI (14): neutrale

(CC - www.ftaonline.com)