Ancora acquisti sui titoli di Stato del Vecchio Continente al giro di boa. Il rendimento del BTP decennale italiano segna una flessione di 5 punti base che lo riporta all'1,60 per cento. In calo anche lo yield del Bund *tedesco che cede un punto base e torna a quota -0,26 per cento. Lo *spread si comprime di conseguenza a 186 punti base.

Le tensioni all'interno del governo italiano non accennano però a diminuire dopo che ieri il ministro dell'Interno e vicepremier Matteo Salvini ha incontrato le parti sociali al Viminale in vista della manovra d'autunno andando espressamente contro la volontà di Palazzo Chigi che ha ribadito che della nuova manovra finanziaria si discute nelle sedi appropriate.

Si è trattato di un palese strappo della grammatica istituzionale che avviene nei duri giorni di Moscopoli, mentre l'ex portavoce Gianluca Savoini decide di non rispondere ai magistrati che valutano gli estremi eventuali di un tentativo di corruzione internazionale da 65 milioni di dollari e il Parlamento chiede di ascoltare la Lega e Salvini sul caso.

A livello europeo è da evidenziare che alla vigilia del voto non scontato in Parlamento per la nomina di Ursula von der Leyen, traspaiono sempre più i contenuti di un'eventuale nuova commissione sotto la guida dell'attuale ministra della Difesa tedesca.
Von der Leyen ha compiuto il giro di consultazioni e sottolineato la volontà di un introdurre un salario minimo europeo; di ribadire l'obbligo di salvare le vite in mare e di frontiere umane; di promuovere un "accordo verde" europeo che superi al rialzo l'obiettivo attuale di una riduzione delle emissioni di CO2 del 40% entro il 2030; di difendere il multilateralismo internazionale e commerciale; di mostrare apertura a un eventuale rinvio su Brexit.