Ancora una seduta tutta in salita per lo spread BTP-Bund che dopo il rialzo di ieri ha continuato ad allargarsi.

Il differenziale tra il decennale italiano e quello tedesco, dopo aver trascorso gran parte della giornata a poca distanza dai valori del close di ieri, si è impennato nell'ultima ora e mezza.

Lo spread BTP-Bund ha chiuso la seduta a 158,7 punti base, con un rally del3,19%, dopo aver toccato nell'intraday un massimo a 159,8 e un minimo a 151,3 punti.

Prosegue così la risalita dello spread che nei giorni scorsi è avvicinato alla soglia dei 140 punti base che, come spiegato da Antonio Cesarano, Chief GlobalStrategist di Intermonte SIM, rappresenta un livello importante di supporto.

L'esperto non esclude che lo spread BTP-Bund possa tornare a scendere fino ai minimi del 2018 intorno ai 115 punti base.

Un eventuale movimento di questo tipo a detta di Cesarano potrebbe essere indotto soprattutto da un rialzo dei tassi Bund, in seguito all'introduzione di un sistema di tiering molto marcato da parte della BCE nella riunione di giovedì prossimo.

L'esperto avverte che il movimento potrebbe essere molto rapido e con la medesima velocità si potrebbe assistere ad un rientro dello stesso, visto il differenziale già storicamente molto ampio tra il rendimento del BTP a 10 anni e le aspettative di inflazione.