L'ultima seduta della settimana viene vissuta in calo dallo spread BTP-Bund che dopo un massimo toccato poco sopra i 150 punti base, ha imboccato la via del ribasso.

Negli ultimi minuti il differenziale tra il decennale italiano e quello tedesco viene fotografato a 148,4 basis points, con un calo dell'1,53%.

Sul mercato obbligazionario italiano i riflettori sono puntati sulle ultime indiscrezioni riportate ieri da Reuters, da cui si è appreso che il Ministero dell'Economia e della Finanza sarebbe pronto ad emettere un BTP in dollari, il primo dal 2010.

Stando a quanto riferito da alcune fonti, l'annuncio potrebbe avvenire già la prossima settimana o al massimo tra due, ma al momento non sono noti i dettagli dell'operazione.

Con questa nuova emissione il Tesoro punta a sfruttare le favorevoli condizioni di mercato dopo che la BCE ha tagliato i tassi di deposito e rinnovato il piano di quantitative easing.

Due fonti riportate da Reuters riferiscono che l'emissione è vicina e questo conferma quanto già anticipato a luglio scorso da Davide Iacovoni.

Il responsabile del debito pubblico del Mef aveva infatti dichiarato che il lavoro preparatorio per il lancio di un bond di questo tipo stava proseguendo in modo molto intenso, confermando l'impegno a chiudere l'operazione entro la fine di quest'anno.