Quest'ultima seduta della settimana viene vissuta in buon progresso da STM che si riscatta dalle incertezze registrate nelle scorse sessioni, mettendo a segno un rialzo che porta il titolo ad occupare la seconda posizione nel paniere del Ftse Mib.

STM, dopo essere rimasto sostanzialmente al palo ieri, chiudendo gli scambi a ridosso della parità, senza approfittare dello spunto rialzista offerto dal Ftse Mib, oggi riesce a fare meglio del mercato, salendo del 2,29% a 14,29 euro, con oltre 2,5 milioni di azioni scambiate, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a quasi 4,5 milioni di pezzi.

STM guadagna terreno dopo che ieri Broadcom, leader nel settore dei semiconduttori per applicazioni wireless e networking, ha riportato dopo la chiusura di Wall Street risultati per il primo trimestre in linea con le attese, con ricavi per 5,8 miliardi di dollari e un utile per azione di 5,55 dollari.

Il gruppo ha inoltre confermato la guidance per l'esercizio 2019 e durante la call il CEO di Broadcom ha confermato un miglioramento sequenziale nei trend di crescita, segnalando che quest'ultima è stata significativa nella seconda metà del 2018.

Per gli analisti di Equita SIM i commenti sono in linea con quanto indicato da STM recentemente al Mobile World Congress di Barcellona, e segnalano che il primo trimestre dovrebbe rappresentare il punto di minimo per la domanda smartphone.

Confermata la strategia bullish su STM che per la SIM milanese è da acquistare, con un prezzo obiettivo a 18 euro.