A Piazza Affari la seduta odierna prosegue in territorio negativo per STM che, pur avendo recuperato dai minimi della mattinata, si conferma in rosso.

Il titolo, reduce da tre giornate consecutive in salita, dopo aver chiuso quella di ieri con un progresso di quasi il 2,5%, ha imboccato da subito la via delle vendite oggi.

Toccato un minimo a 14,5 euro, STM ha avviato un recupero, favorito anche dalla rimonta del Ftse Mib, presentandosi negli ultimi minuti a 14,68 euro, con un ribasso dello 0,88% e oltre 2,3 milioni di azioni scambiate fino ad ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 5 milioni di pezzi.

STM risente di alcune cattive notizie riportate dal sito "The Information", da cui si apprende, come evidenziato da Equita SIM, che Apple starebbe negoziando con Intel l’acquisizione di una parte del business dei modem per smartphone.

Il razionale sarebbe quello di aumentare la percentuale di componenti disegnate e prodotte internamente per migliorare il controllo sullo sviluppo del prodotto e la marginalità.

Il business oggetto di trattativa sarebbe quello che Intel aveva comprato nel 2011 da Infineon per 1,4 miliardi di dollari.

Per gli analisti di Equita SIM la notizia, se confermata, sarebbe negativa per tutta la supply chain dell’iPhone, in quanto indicherebbe la volontà di Apple di ridurre la dipendenza da fornitori terzi.

Gli esperti ricordano che lo scorso anno STM ha generato circa il 13% del fatturato da Apple, a loro avviso vendendo principalmente diversi tipi di sensori.

Confermata la view neutrale sul titolo che secondo Equita SIM merita una raccomandazione "hold", con un prezzo obiettivo a 17,5 euro.