Stm è stato sconfitto il 3 dicembre dalla duplice resistenza offerta in area 13,80 dal lato alto del canale ribassista che parte dal top di giugno e dalla media esponenziale a 50 giorni. I prezzi sono vicino ora alla linea che unisce i minimi di ottobre e novembre, passante a 11,68. Sotto quei livelli rischio di test della base del canale, a 9,65. Solo oltre 12,86, gap del 6 dicembre, atteso nuovo test del limite superiore del canale, ora a 13,20. Il mercato si è spaventato per l'arresto del CFO di Huawei in Canada, la società cinese è infatti una dei 10 maggiori clienti di Stm ma il suo peso totale sul fatturato non dovrebbe superare il 2%. Dal momento che Huawei vende negli Usa il 10% circa del totale, anche in caso di un divieto di vendere negli Usa prodotti Huawei andrebbe alla fine a pesare sul fatturato di Stm per lo 0,2%, quindi trascurabile. E' invece meno trascurabile il fatto che la guerra dei dazi, riaccesa proprio dall'arresto della figlia del fondatore di Huawei, potrebbe deprimere la crescita cinese, e questo sì che è uno dei mercati principali di Stm. Probabilmente è in questa direzione che stanno guardando gli investitori ed è la spiegazione del calo degli ultimi giorni. In generale tuttavia la domanda per il momento non sembra essere a rischio, almeno stando a quanto riportato da Broadcom, che nel quarto trimestre ha battuto le attese: il produttore di semiconduttori per le telecomunicazioni ha comunicato risultati relativi al quarto trimestre del suo esercizio segnati da profitti netti più che raddoppiati da 532 milioni, pari a 1,25 dollari per azione, a 1,12 miliardi, e 2,64 dollari per azione. Su base rettificata l'eps si è attestato a 5,85 dollari, a fronte di ricavi in crescita da 4,84 a 5,44 miliardi (5,58 dollari e 5,40 miliardi il consensus di FactSet). Broadcom, che in luglio aveva annunciato l'Opa da 18,9 miliardi di dollari su Ca Technologies, per l'intero anno fiscale 2019 stima ricavi per 24,50 miliardi, contro i 22,58 miliardi attesi dagli analisti (risultato in parte imputabile al consolidamento di CA, la crescita organica dovrebbe essere minore ma comunque attorno al 2%). Megatrader (www.megatrader.it) si è messo in vendita di Stm il 7 dicembre a quota 12,09 euro, la valutazione sintetica del quadro tecnico del titolo è di 4 stelle su un massimo di 5 ma è in discesa. Lo stop suggerito per la posizione in vendita è posto a 12,485 euro.