Un finale di settimana in positivo anche per Telecom Italia che, dopo aver mostrato più forza del Ftse Mib ieri, salendo di mezzo punto percentuale, oggi continua a spingersi in avanti.

Telecom Italia strappa al rialzo prima del week-end

Il titolo si avvia ad archiviare la seduta con un progresso del 3,11% a 0,3614 euro, con volumi di scambio vivaci, visto che fino ad ora sono transitate sul mercato oltre 182 milioni di azioni, al di sopra della media mensile pari a circa 124 milioni di pezzi.

Telecom Italia resta sotto i riflettori dopo le indicazioni arrivate ieri dall'AD di Enel che ha ribadito la sua posizione sulla rete unica.

Telecom: AD Enel non contrario a rete unica, ma a certe condizioni

A margine di un evento organizzato da EY, il CEO del gruppo elettrico, Francesco Starace, ha dichiarato di non essere contrario alla costituzione di una rete unica, purché non verticalmente integrata.

Cassa Depositi e Prestiti ha sottolineato il forte impegno con ENEL e TIM per arrivare alla rete unica, che potrà essere un volano di crescita del Paese.

Telecom Italia: Equita commenta parole Starace

Gli analisti di Equita SIM fanno notare che le dichiarazioni sono simili a quanto già riportato da ENEL e da CDP nelle settimane passate e sono più costruttive rispetto alle posizioni espresse in precedenza, ma non sembrano evidenziare progressi rispetto a uno degli ostacoli principali all’operazione, ossia la governance.

Telecom: KKR stringe i tempi per definire offerta

Tra gli altri spunti, oggi MF segnala che KKR starebbe stringendo i tempi per definire i dettagli dell’offerta per la rete secondaria di Telecom Italia.

La SIM milanese vede questo negoziato come parallelo, e subottimale, rispetto a quello per la rete unica, visto che non creerebbe occasione di sinergie e non eliminerebbe il rischio di overbuild e di competizione sull’infrastruttura.

Per gli analisti sarebbe comunque una scelta migliore dello status quo.

Confermata intanto la view positiva su Telecom Italia che per la SIM milanese merita una raccomandazione "buy", con un prezzo obiettivo a 0,47 euro.