Tenaris +1,3% guadagna ulteriore terreno dopo il +3,38% di ieri. Kepler Cheuvreux ha ribadito la raccomandazione buy e il target a 14 euro sul titolo dopo che la Corte d'Appello in Argentina ha annullato la sentenza di primo grado su una presunta corruzione di alcuni funzionari del governo che ha coinvolto il CEO e presidente della società Paolo Rocca. Per i giudici non esistono elementi sufficienti a collegarlo al procedimento e saranno necessarie nuove indagini. A inizio dicembre gli inquirenti avevano chiesto l'arresto preventivo (preventive detention) per tutte le persone coinvolte nell'indagine "Notebook Case", tra cui Paolo Rocca. Si tratta dell'indagine su presunti pagamenti effettuati da Techint Group (holding che controlla Tenaris) nel 2008 a ufficiali del governo argentino per la quale lo scorso 27 novembre Rocca era stato formalmente accusato (decisione preliminare del giudice di prima istanza).

L'analisi del grafico di Tenaris evidenzia l'avvicinamento alla resistenza rappresentata dal massimo del 22 marzo a 13,2350 euro: una vittoria confermata in chiusura di seduta su questo riferimento decreterebbe la riattivazione del movimento ascendente partito a dicembre verso un primo obiettivo a 13,60/13,70 (massimi di inizio novembre) e quindi in direzione di 15,20/15,30 (picchi raggiunti a agosto e ottobre). Discese sotto 12,20/12,30 favorirebbero invece una correzione sugli importanti riferimenti di area 11,30: l'eventuale violazione degli stessi creerebbe le premesse per un'inversione di tendenza.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)