Tenaris non riesce a reagire alla correzione originata dai massimi di inizio giugno a 7,0420 euro e rischia la rottura dei supporti statici a 5,40-5,50, operazione che creerebbe le premesse per il ritorno sul minimo pluriennale del 16 marzo a 4,0580. Il superamento di area 6 fornirebbe invece al titolo una chance per riavvicinarsi a quota 7: conferme in tal senso oltre 6,55-6,60.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)