Il Consiglio di Amministrazione di Tesmec S.p.A. (MTA, STAR: TES), a capo di un gruppo leader nel mercato delle infrastrutture relative al trasporto e alla distribuzione di energia elettrica, dati e materiali, sotto la Presidenza di Ambrogio Caccia Dominioni, ha esaminato e approvato il Resoconto Intermedio di Gestione Consolidato al 30 settembre 2017, che chiude con fatturato e marginalità ancora in crescita, un miglioramento dell'indebitamento finanziario netto e un risultato netto influenzato negativamente solo dalle differenze cambio non realizzate e non dall'operatività del business del Gruppo.

Principali Risultati Consolidati dei primi nove mesi dell'esercizio 2017 (vs nove mesi esercizio 2016):
• Ricavi: 132,1 milioni di euro (+21,8% rispetto ai 108,5 milioni di euro al 30 settembre 2016);
• EBITDA Adj: 15,3 milioni di euro (+42,7% rispetto ai 10,7 milioni di euro al 30 settembre 2016). EBITDA pari a 13,6 milioni di euro (+27,0%);
• EBIT: 3,1 milioni di euro (+97,5% rispetto a 1,6 milioni di euro al 30 settembre 2016);
• Risultato Netto: negativo per 1,8 milioni di euro (rispetto ad un risultato netto negativo per 1,4 milioni di euro al 30 settembre 2016) a causa di 4,6 milioni di euro di accantonamenti per differenze cambio non realizzate;
• Indebitamento Finanziario Netto: 93,5 milioni di euro (in miglioramento sia rispetto ai 96,7 milioni di euro al 31 dicembre 2016, sia rispetto ai 115,3 milioni di euro al 30 settembre 2016);
• Portafoglio Ordini Totale: 177,0 milioni di euro (+64,2% rispetto ai 107,8 milioni di euro al 30 settembre 2016).

Il Presidente e Amministratore Delegato Ambrogio Caccia Dominioni ha così commentato: "Siamo molto contenti di essere riusciti a mantenere per il terzo trimestre consecutivo i ricavi superiori del 20% rispetto ai valori dello stesso periodo dell'esercizio precedente ed anche il backlog ai livelli eccezionali raggiunti alla fine dello scorso anno. Questo dimostra la validità delle scelte strategiche intraprese e l'efficacia delle azioni di sviluppo commerciale in corso. I risultati del terzo trimestre confermano anche il trend di miglioramento della marginalità e del capitale circolante. Siamo, inoltre, fiduciosi sulla restante parte dell'anno dal momento che i progetti speciali attualmente in corso vedono fortemente impegnato il Gruppo in ambiti ad alto tasso di crescita quali quelli della Green Energy, delle energie rinnovabili e dei grandi piani di edilizia abitativa nei paesi emergenti."