Il Consiglio di Amministrazione di Tesmec S.p.A. (MTA, STAR: TES), a capo di un gruppo leader nel mercato delle infrastrutture relative al trasporto e alla distribuzione di energia elettrica, dati e materiali, riunitosi sotto la Presidenza di Ambrogio Caccia Dominioni, ha esaminato e approvato il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2020, che risulta fortemente influenzato degli impatti derivanti dalla diffusione del Covid-19. Infatti, a partire dalla fine del mese di febbraio, il Gruppo si è attivato dando la priorità a mettere in atto tutte le azioni necessarie volte a tutelare la salute dei propri lavoratori sia in Italia sia all'estero e implementando nuove procedure per lavorare in sicurezza, garantendo la continuità produttiva, seppur rallentata, fino all'attivazione dei vari lockdown. In particolare, il Gruppo ha interrotto le attività negli stabilimenti di Grassobbio, Endine, Sirone, Fidenza e Padova dal 23 marzo al 4 maggio, e nei siti di Patrica e Monopoli dal 23 marzo al 12 aprile (per questi ultimi, la riapertura è stata anticipata, perché operanti nella filiera delle attività essenziali ai sensi delle disposizioni governative); per quanto riguarda i siti esteri del Gruppo, l'attività a Durtal (Francia) è stata interrotta dal 17 marzo al 20 aprile, mentre è potuta proseguire senza interruzioni nello stabilimento di Alvarado (USA). In Australia e Nuova Zelanda, dove il Gruppo non ha stabilimenti produttivi ma dove è operativo in diversi cantieri, le attività si sono fermate rispettivamente dal 19 marzo al 15 maggio e dal 25 marzo al 27 aprile. A causa delle misure prese per fronteggiare la pandemia, il primo trimestre 2020 registra una riduzione del fatturato e dei margini, mentre l'Indebitamento Finanziario Netto ha subito un contenuto incremento rispetto alle criticità del periodo ed alla ciclicità che caratterizza il primo trimestre per il Gruppo Tesmec, che vede la fatturazione sostanzialmente concentrata nel periodo in cui il Gruppo era chiuso a causa della pandemia.

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2020 CHE REGISTRA:
• Ricavi: 31,8 milioni di euro (rispetto ai 49,8 milioni di euro al 31 marzo 2019), i ricavi proforma con l'integrazione della società 4Service, acquisita nel mese di aprile, su base trimestrale, sarebbero stati pari a 34,0 milioni di euro;
• EBITDA: 2,5 milioni di euro (rispetto ai 5,7 milioni di euro al 31 marzo 2019). L'EBITDA proforma con l'integrazione di 4Service si sarebbe attestato, su base trimestrale, a 4,1 milioni di euro;
• EBIT: negativo per 1,7 milioni di euro (rispetto al risultato positivo di 1,5 milioni di euro al 31 marzo 2019);
• Risultato Netto: negativo di 3,0 milioni di euro (rispetto ad un utile pari a 1,0 milioni di euro al 31 marzo 2019), che risulta impattato da 1,4 milioni di euro di perdite su cambi del periodo;
• Indebitamento Finanziario Netto: 123,8 milioni di euro (rispetto ai 118,0 milioni di euro al 31 dicembre 2019 e ai 112,5 milioni di euro al 31 marzo 2019);
• Portafoglio Ordini Totale: 181,7 milioni di euro (rispetto ai 188,0 milioni di euro al 31 dicembre 2019).

L'ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI:
• Approva il Bilancio d'Esercizio al 31 dicembre 2019 e la destinazione dell'utile.
• Approva l'attribuzione al Consiglio di Amministrazione, ai sensi dell'articolo 2443 del codice civile, della delega di aumentare il capitale sociale per un importo massimo complessivo non superiore a Euro 50.000.000,00. La delega ha già il supporto del socio di maggioranza TTC.
• Approva la prima sezione della relazione sulla remunerazione.
• Revoca il programma di acquisto e disposizione di azioni proprie deliberato dall'Assemblea ordinaria degli Azionisti del 16 aprile 2019.
• Approva l'eliminazione dell'indicazione del valore nominale delle azioni e l'adeguamento alle nuove disposizioni normative in tema di quote di genere.

Il Presidente e Amministratore Delegato Ambrogio Caccia Dominioni ha così commentato: I risultati del primo trimestre del 2020 sono stati influenzati dall'emergenza sanitaria legata al virus Covid-19 e dalle conseguenti azioni poste in essere dai governi che hanno portato a due mesi di sostanziale lockdown in Europa e negli Stati Uniti. Nonostante la non facile situazione di mercato e l'incertezza a livello internazionale, le prospettive per Tesmec rimangono positive. Operiamo, infatti, in settori strategici e infrastrutturali che saranno ancora più cruciali in un contesto in cui i Governi dovranno rilanciare l'economia dei propri Paesi con forti piani d' investimento. La nostra strategia è quella di rafforzarci nei settori a più alto valore aggiunto, con azioni di sviluppo rivolte a tecnologie nell'ambito dell'Energy Transition, alla sicurezza, alla diagnostica ed alla digitalizzazione delle infrastrutture. Abbiamo intrapreso azioni per razionalizzare la struttura dei costi e per sfruttare le misure di liquidità messe in atto dai vari Governi. L'acquisizione di 4Service S.r.l., inoltre, unitamente all'aumento di capitale, comunicati nel mese di aprile, potranno non solo rafforzare la struttura patrimoniale del Gruppo, ma anche garantire crescita in un business ad alto potenziale come quello del noleggio, migliorando tutti gli indici di reddittività

EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE
Come noto, a partire dal mese di gennaio 2020, lo scenario nazionale e internazionale è stato caratterizzato dalla diffusione del virus Covid-19 (c.d. Coronavirus) e dalle conseguenti misure restrittive per il suo contenimento poste in essere da parte delle autorità pubbliche dei Paesi interessati. Tali circostanze, straordinarie per natura ed estensione, hanno ripercussioni, dirette e indirette, sull'attività economica. In base a quanto ad oggi conosciuto, si ritiene che gli impatti di tale situazione non abbiano conseguenze materiali sull'attività ordinaria di medio periodo. Il Gruppo Tesmec opera, infatti, in settori che potrebbero trarre forza ed accelerazione dal fenomeno pandemia, in quanto le politiche dei Paesi in cui opera il Gruppo sono volte a rafforzare le proprie infrastrutture fondamentali al fine di fronteggiare con maggiori efficienze eventuali nuove ipotesi di lockdown. In particolare nel settore dei trencher si assiste ad una chiara volontà nei Paesi in cui opera il Gruppo di rafforzare le infrastrutture di fibra ottica e di telecomunicazioni che si estrinsecheranno in importanti realizzazioni di opere pubbliche di scavo e collegamento. Nel settore ferroviario si sta assistendo ad un importante incremento degli investimenti per ridurre la congestione della circolazione dei veicoli su gomma e incrementare la mobilità sostenibile. Nel settore Energy sono previsti ingenti investimenti per incentivare il passaggio all'utilizzo di fonti energetiche rinnovabili nonché per aumentare l'efficienza delle reti elettriche. Il business del Gruppo si concentra in questi settori strategici caratterizzati da estrema vivacità ed ampie prospettive di sviluppo. Il portafoglio di ordini confermato, per circa 181,7 milioni di euro, unitamente alla liquidità derivante dai nuovi finanziamenti garantiti dalle misure governative, cui il Gruppo ha già avuto accesso, e in generale all'assistenza del sistema bancario, confermata anche grazie al rating ottenuto che qualifica il Gruppo come "investment grade", garantiscono un recupero produttivo importante già sul finire del 2020. La Società ha anche deliberato una delega di aumento di capitale fino al massimo di 50 milioni di euro al fine di raccogliere ulteriori mezzi propri per bilanciare il rapporto debito ed equity nonché finanziare gli investimenti nei propri settori di business. Le effettive dimensioni dell'aumento di capitale verranno stabilite dal Consiglio d'Amministrazione, successivamente alla pubblicazione delle linee guida del Piano industriale, che identificherà in modo dettagliato le opportunità di crescita delle attività della Società nei settori del Ferroviario, Energy e Trencher. Allo stato attuale, la Società prevede di pubblicare le linee guida di Piano prima della pausa estiva e di procedere con l'aumento di capitale non prima del quarto trimestre 2020.

(RV - www.ftaonline.com)