La seduta odierna prosegue all'insegna della volatilità per Unicredit che, dopo aver ceduto ieri poco più di mezzo punto percentuale, oggi sya provando timidamente a recuperare terreno.

Il titolo, che ha già attraversato in più di un'occasione la linea della parità, negli ultimi minuti viene scambiato a 14,09 euro, con un lieve progresso dello 0,21% e poco meno di 10 milioni di azioni trattate fino ad ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 15,4 milioni di pezzi.

Al pari degli altri bancari, con la sola eccezione di Banco BPM, oggi Unicredit mostra minore forza rispetto al Ftse Mib, in linea peraltro con quanto già accaduto nella sessione di ieri, quando il titolo è sceso in controtendenza.

Unicredit non riesce a beneficiare delle positive indicazioni arrivate da Equita SIM che ha ribadito la raccomandazione "buy", con un prezzo obiettivo a 16,8 euro.

Gli analisti hanno inoltre aumentato di 50 punti base il peso di Unicredit nel portafoglio principale, per mantenere invariata l'esposizione al settore dopo la bocciatura di Bper Banca.

Quest'ultimo è infatti uscito dal portafoglio in conseguenza del cambio di strategia da "buy" a "hold", con un target price tagliato da 5,1 a 4,8 euro.