Il Dipartimento del commercio ha reso noto che nel mese di maggio i prezzi import hanno evidenziato una variazione negativa dello 0,3%, in calo rispetto al rialzo dello 0,2% precedente.
Il dato è stato peggiore delle previsioni del mercato che si era preparato ad una flessione dello 0,2%.