Nel secondo trimestre, Verizon Communications ha battuto le stime degli utili grazie a un numero di abbonati mensili netti superiore alle attese.
La pubblicazione dei risultati trimestrali arriva circa una settimana dopo l'approvazione da parte del Dipartimento di Giustizia Usa della fusione tra T-Mobile USA e Sprint. Verizon, AT&T, T-Mobile e Sprint controllano oltre il 98% del mercato wireless americano con ricavi complessivi per oltre 160 miliardi di dollari.
L'utile netto di Verizon è sceso a 4,07 miliardi di dollari, ovvero 95 centesimi per azione, da 4,25 miliardi di dollari, ovvero 1 dollaro per azione di un anno prima.
I ricavi operativi totali sono scesi dello 0,4% a 32,1 miliardi di dollari, sotto le attese pari a 32,41 miliardi di dollari.

In apertura il titolo guadagna l'1,2%.

(CC - www.ftaonline.com)