Il Consiglio di Amministrazione di Vianini, presieduto dall'Avv. Elena De Simone, ha approvato il 28 luglio 2020 i risultati economico-finanziari al 30 giugno 2020. Nel corso del primo semestre le attività di locazione del Gruppo hanno risentito degli effetti della pandemia da Covid-19 ed in particolare delle misure restrittive poste in essere dalle autorità pubbliche che hanno inciso sui volumi delle nuove transazioni in quanto l'attività di commercializzazione e i relativi contatti con la potenziale clientela sono stati sospesi per circa tre mesi ai quali si è aggiunto un periodo di adattamento prima di ritornare alla normalità. Il Gruppo ha agito tempestivamente monitorando gli effetti sia in termini di ricavi che di solvibilità dei crediti e mettendo in atto interventi mirati a garantire la salute e la sicurezza della propria forza lavoro. A seguito della scissione del ramo vendite relativo alla controllata Domus Roma 15 Srl, avvenuta nel secondo semestre 2019, che aveva comportato l'uscita dei soci terzi dal Patrimonio complessivo, il Gruppo ha rappresentato gli effetti della scissione come discontinued operations, ai sensi del principio contabile IFRS 5; pertanto, i valori del 30 giugno 2019 relativi alle attività cedute sono stati riesposti riclassificandoli nella corrispondente voce di bilancio. Andamento della gestione del Gruppo Il Risultato di competenza del Gruppo è stato positivo per 21 mila euro, in linea con il corrispondente periodo del 2019 (46 mila euro). Il Gruppo Domus contribuisce a tale risultato per 495 mila euro (566 al 30 giugno 2019). Il Margine operativo lordo è stato pari a 2,3 milioni di euro (4,1 milioni di euro nel corrispondente periodo del 2019). L'apporto del comparto immobiliare è stato pari a 2,9 milioni di euro (4,7 milioni di euro al 30 giugno 2019). Il Risultato netto della gestione Finanziaria, negativo per 2,1 milioni di euro (negativo per 2,7 milioni di euro al 30 giugno 2019), è relativo quasi esclusivamente agli oneri finanziari legati alla gestione operativa del settore immobiliare (interessi sui mutui edilizi). La Posizione Finanziaria Netta è negativa per 172,1 milioni di euro (169,1 milioni di euro al 31 dicembre 2019) di cui 161,1 milioni di euro relativi al fabbisogno finanziario inerente all'attività di sviluppo del Gruppo Domus. L'incremento rispetto al precedente esercizio è dovuto principalmente al flusso di cassa operativo. Il Patrimonio Netto del Gruppo ammonta a 109,1 milioni di euro in linea con il dato del 31 dicembre 2019 (109,2 milioni di euro). Previsioni per l'anno in corso Il Gruppo, compatibilmente con le misure restrittive adottate dalle autorità pubbliche per il contenimento della pandemia da Covid-19, prosegue l'attività di locazione. A tal fine si precisa che le criticità macroeconomiche derivanti dalla pandemia sono state considerate congiunturali e non strutturali nel mercato residenziale in cui opera il Gruppo Vianini. Il segmento residenziale si posiziona infatti tra i comparti più resilienti e solidi del mercato immobiliare. Il Gruppo persegue pertanto l'obiettivo di consolidare il portafoglio clienti esistente e di incrementarne i volumi.

(GD - www.ftaonline.com)