La Borsa di New York ha chiuso la seduta in deciso ribasso dopo la decisione della Fed di ridurre solo di 25 punti base il costo del denaro. Il Dow Jones ha perso l'1,23%, l'S&P 500 l'1,09% e il Nasdaq Composite l'1,19%.
Wall Street delusa dal taglio dei tassi di un quarto di punto al 2,00% -2,25% (il mercato sperava in un intervento piu' aggressivo) e dalle parole del presidente Jerome Powell che ha escluso una lunga serie di riduzioni del costo del denaro.
Tra i titoli in evidenza Apple +2,04%. Il gruppo di Cupertino ha presentato risultati relativi al terzo trimestre del suo esercizio migliori rispetto alle attese e fornito una guidance positiva per l'attuale periodo. Nei tre mesi Apple ha registrato profitti netti in calo da 11,52 miliardi, pari a 2,34 dollari per azione, a 10,04 miliardi, e 2,18 dollari. I ricavi sono invece migliorati da 53,27 a 53,81 miliardi di dollari. Il consensus di FactSet era per 2,09 dollari e 53,32 miliardi rispettivamente. Per il quarto trimestre Apple stima ricavi compresi tra 61 e 64 miliardi di dollari, contro i 60,9 miliardi del consensus di FactSet.
Advanced Micro Devices -10,10%. Il gruppo dei semiconduttori ha presentato risultati trimestrali contrastati. Nel secondo trimestre Amd ha registrato profitti netti in calo da 116 milioni di dollari, pari a 11 centesimi per azione, a 35 milioni di dollari, e 3 centesimi. Su base rettificata l'eps si è attestato a 8 centesimi, a fronte di ricavi scesi da 1,76 a 1,53 miliardi di dollari. Il consensus di FactSet era per 8 centesimi e 1,52 miliardi rispettivamente. In termini di outlook Amd prevede per l'attuale periodo ricavi compresi tra 1,75 e 1,85 miliardi di dollari, sotto agli 1,94 miliardi stimati dagli analisti.