Webuild (la ex Salini Impregilo) -6,1% scivola sui minimi da marzo dopo che un lodo arbitrale dall'International Chamber of Commerce (ICC) ha stabilito che il consorzio GUPC (di cui fa parte il gruppo) dovrà restituire Autoridad del Canal de Panama circa 210 dei 227 milioni di euro pagati a GUPC su precedente decisione del Dispute Adjudication Board. Secondo Equita la quota Webuild da restituire ammonta a circa 80 milioni di euro ma il gruppo, si legge nel comunicato, aveva prudenzialmente allocato "le risorse finanziarie per far fronte alla restituzione delle somme previste". In sostanza l'effetto sui conti di Webuild dovrebbe essere trascurabile ma gli analisti del broker fanno notare che la notizia riporta in primo piano il contenzioso: quest'ultimo si conferma fonte di rischi e volatilità.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)