Zaleski alleggerisce il portafoglio

Interessanti novita' riguardano Carlo Tassara, la holding in cui il finanziere franco-polacco Romain Zaleski concentra le importanti quote azionarie accumulate nel corso della sua lunga carriera.

Interessanti novita' riguardano Carlo Tassara, la holding in cui il finanziere franco-polacco Romain Zaleski concentra le importanti quote azionarie accumulate nel corso della sua lunga carriera. In base a quanto scritto da MF il management si sarebbe concentrato sulla vendita di alcune delle partecipazioni piu' importanti entro la fine del primo semestre dell'anno. Tempi molto stretti quindi che, peraltro, si scontrano con le difficolta' dei mercati azionari: una combinazione decisamente poco propizia alla cessione di importanti pacchetti di azioni. In via di dismissione troviamo infatti le intere partecipazioni detenute in Generali (lo 0,7%) e Mediobanca (l'1%), piu' uno 0,6% di Intesa Sanpaolo sul 2,5% complessivo in portafoglio. L'esigenza di dismettere le quote risponderebbe alla necessita' di alleggerire l'esposizione debitoria della Tassara nei confronti delle banche, attualmente pari a 3,12 miliardi di euro. Ai prezzi attuali le quote suddette valgono circa 350 milioni di euro: non moltissimo quindi per la holding che ieri ha annunciato di aver chiuso il bilancio 2009 con profitti pari a 260 milioni di euro e patrimonio netto pari a 570 milioni. Le novita' emerse in sede di presentazione del bilancio sembrano in contrasto con quanto avvenuto a fine 2009 quando il cda della Tassara decise di non cedere le partecipazioni bancarie detenute. A quanto pare ci furono contrasti all'interno del board, contrasti che portarono alle dimissioni di uno dei consiglieri, Guido De Vivo, a gennaio. (SF)