Brexit

Brexit è la procedura di uscita del Regno Unito dall'Unione europea

Brexit è un termine frutto della fusione tra British ed exit, ed individua la procedura di uscita del Regno Unito dall'Unione europea dopo l'esito del referendum del 23 giugno del 2016.

Brexit, il Regno Unito rinuncia alla presidenza di turno del Consiglio dell'Ue

Con il referendum, è stato il 51,89% dei cittadini britannici a votare a favore dell'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea. Di riflesso, il Regno Unito comunica di non voler occupare la presidenza di turno del Consiglio dell'Unione europea che gli sarebbe spettata nella seconda metà del 2017.

La procedura dell'articolo 50

Prima di procedere all'attivazione dell'articolo 50, la Corte suprema del Regno Unito, il 24 gennaio del 2017, ha stabilito che il Parlamento deve essere consultato. Dopodiché, il 29 marzo del 2017, la procedura dell'articolo 50 ha ufficialmente inizio dopo che, da parte dell'ambasciatore del Regno Unito presso l'Ue, viene consegnata la lettera del primo ministro Theresa May al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk.

Brexit, la Risoluzione del Parlamento europeo sull'uscita del Regno Unito dall'Ue

In merito all'uscita del Regno Unito dall'Ue il Parlamento europeo, in data 5 aprile del 2017, ha approvato una Risoluzione che delimita quelli che sono i paletti del negoziato tra le parti. In particolare il testo della risoluzione, che è stato approvato a larghissima maggioranza, mira a garantire che la Brexit venga portata a termine nell'interesse congiunto dell'Ue e del Regno Unito attraverso una procedura di uscita che sia non solo ordinata, ma anche condotta in buona fede.

Sono stati ben 516 i voti a favore del Parlamento europeo, nell'approvare la Risoluzione che fissa i paletti per i negoziati tra il Regno Unito e l'Ue, rispetto a 133 voti contrari e 50 astenuti. Oltre alla tutela dei diritti dei cittadini europei, tra gli altri paletti fissati dalla Risoluzione c'è il rispetto degli impegni finanziari che il Regno Unito ha preso nei confronti dell'Unione Europea, e la tutela dell'accordo di pace in Nord Irlanda.

Per maggiori informazioni: BREXIT



Brexit: non piace la soluzione di Londra per l'Irlanda

Lo sconquasso derivante dalla Brexit e la confusione nella quale regnano i paesi dell'intera Unione, indecisi sul da farsi, hanno risparmiato l'Irlanda. Ma solo in teoria e solo per quanto riguarda la visione di Londra. Versione che tutti giudicano irrealizzabile.

Brexit: non piace la soluzione di Londra per l'Irlanda

Nessun cambiamento: una formula vincente per l'Europa?

È già trascorso un anno dalla sorprendente (e nefasta) decisione della Gran Bretagna di abbandonare l'UE e mancano pochi mesi anche al primo anniversario dell'elezione di Donald Trump.

Nessun cambiamento: una formula vincente per l'Europa?

Brexit: Divorce Bill da 40 miliardi di euro?

Secondo il Telegraph, il governo di Theresa May sarebbe pronto a pagare 36 miliardi di sterline come tassa da divorzio per uscire dall'Unione Europea.

Brexit: Divorce Bill da 40 miliardi di euro?

Brexit, oltre la politica c’è di più

È passato più di un anno da quando l’elettorato britannico ha votato per lasciare l’UE, ma siamo ancora lontani dal capire bene come verrà gestita la separazione e che cosa ne seguirà.

Brexit, oltre la politica c’è di più

Brexit, il piano Deutsche Bank: via $350 mld da Londra nel 2018

L'agenzia Bloomberg rivela indiscrezioni su un mega-programma di trasferimento di asset da Londra a Francoforte da parte di Deutsche Bank.

Brexit, il piano Deutsche Bank: via $350 mld da Londra nel 2018

Brexit, negoziati al palo: e ora spunta la minaccia nucleare

Mentre si conclude con un quasi nulla di fatto il secondo round di negoziati tra UE e UK, il clima si fa sempre più pesante.

Brexit, negoziati al palo: e ora spunta la minaccia nucleare

Brexit, ora Londra è in emergenza alimentare. E senza un piano

Una nuova tegola sul governo di Londra: anche l’agricoltura della Gran Bretagna rischia un duro colpo dalla Brexit.

Brexit, ora Londra è in emergenza alimentare. E senza un piano

Fuga da Londra: scappa anche Citigroup

Citigroup che si unisce al resto delle altre banche d'affari nel fare le valigie. Destinazione? Con ogni probabilità Francoforte

Fuga da Londra: scappa anche Citigroup

Brexit, Londra cambia idea e ammette che c'è un conto da pagare

Per la prima volta, il governo britannico riconosce in un documento ufficiale che per l'abbandono dell'UE dovrà saldare il "conto" della Brexit.

Brexit, Londra cambia idea e ammette che c'è un conto da pagare

Senza Londra, bilancio Ue perderà da 20 a 25 miliardi l'anno

I problemi del contestato divorzio di Londra dall'Unione Europea non riguardano solo la capitale del Regno Unito, ma a quanto pare anche l'Unione europea che oggi lancia l'allarme.

Senza Londra, bilancio Ue perderà da 20 a 25 miliardi l'anno

Banche Italiane: analisti ottimisti. Ma con alcune eccezioni

Piazza Affari in negativo, oggi, ma resta ancora alta l'attenzione sul settore bancario con la questione delle banche venete sotto i riflettori e il petrolio che accenna a qualche reazione. Cosa fare adesso? A rispondere è Filippo Diodovich Market Strategist per IG.

Banche Italiane: analisti ottimisti. Ma con alcune eccezioni

Londra: trovato l'accordo con i nordirlandesi per il governo

Il partito unionista nordirlandese appoggerà il governo di Theresa May con un accordo.

Londra: trovato l'accordo con i nordirlandesi per il governo

Brexit: 5 ipotesi su come finirà il divorzio Londra-UE

A un anno esatto dal voto del 23 giugno, gli analisti di Société Générale fanno il punto sui possibili esiti del negoziato tra Londra e Bruxelles.

Brexit: 5 ipotesi su come finirà il divorzio Londra-UE

Al via la Brexit. Ora i britannici temono un'uscita brutale

A quasi un anno dal referendum del 23 giugno con cui i cittadini britannici hanno decretato la vittoria del "Leave", partono ufficialmente i negoziati Brexit.

Al via la Brexit. Ora i britannici temono un'uscita brutale

La voglia di UE cresce in tutta Europa. Tranne che in Italia

Il sentimento pro-UE cresce in tutta Europa, ma cala in Italia.

La voglia di UE cresce in tutta Europa. Tranne che in Italia

Ftse Mib: target fissato a 23mila punti. Ma a precise condizioni

Il fattore politico in Europa come (e soprattutto) in Italia, si è trasformato da elemento di disturbo in un vero e proprio trampolino per le borse e, nello specifico, per settori ben determinati. Ma a precise condizioni. La view di Vincenzo Longo Market Strategist di IG.

Ftse Mib: target fissato a 23mila punti. Ma a precise condizioni
apk