Brexit

Brexit è la procedura di uscita del Regno Unito dall'Unione europea

Brexit è un termine frutto della fusione tra British ed exit, ed individua la procedura di uscita del Regno Unito dall'Unione europea dopo l'esito del referendum del 23 giugno del 2016.

Brexit, il Regno Unito rinuncia alla presidenza di turno del Consiglio dell'Ue

Con il referendum, è stato il 51,89% dei cittadini britannici a votare a favore dell'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea. Di riflesso, il Regno Unito comunica di non voler occupare la presidenza di turno del Consiglio dell'Unione europea che gli sarebbe spettata nella seconda metà del 2017.

La procedura dell'articolo 50

Prima di procedere all'attivazione dell'articolo 50, la Corte suprema del Regno Unito, il 24 gennaio del 2017, ha stabilito che il Parlamento deve essere consultato. Dopodiché, il 29 marzo del 2017, la procedura dell'articolo 50 ha ufficialmente inizio dopo che, da parte dell'ambasciatore del Regno Unito presso l'Ue, viene consegnata la lettera del primo ministro Theresa May al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk.

Brexit, la Risoluzione del Parlamento europeo sull'uscita del Regno Unito dall'Ue

In merito all'uscita del Regno Unito dall'Ue il Parlamento europeo, in data 5 aprile del 2017, ha approvato una Risoluzione che delimita quelli che sono i paletti del negoziato tra le parti. In particolare il testo della risoluzione, che è stato approvato a larghissima maggioranza, mira a garantire che la Brexit venga portata a termine nell'interesse congiunto dell'Ue e del Regno Unito attraverso una procedura di uscita che sia non solo ordinata, ma anche condotta in buona fede.

Sono stati ben 516 i voti a favore del Parlamento europeo, nell'approvare la Risoluzione che fissa i paletti per i negoziati tra il Regno Unito e l'Ue, rispetto a 133 voti contrari e 50 astenuti. Oltre alla tutela dei diritti dei cittadini europei, tra gli altri paletti fissati dalla Risoluzione c'è il rispetto degli impegni finanziari che il Regno Unito ha preso nei confronti dell'Unione Europea, e la tutela dell'accordo di pace in Nord Irlanda.

Per maggiori informazioni: BREXIT



Goldman cambia idea e ribassa le stime per i decennali dei G10

Goldman Sachs ha rivisto le sue previsioni sui rendimenti dei titoli di stato decennali per le economie del G10.

Goldman cambia idea e ribassa le stime per i decennali dei G10

Kudlow: Pil Usa al 4%. Intanto però torna l'incubo Brexit

Larry Kudlow, consulente economico della Casa Bianca, si è dichiarato estremamente ottimista circa l'economia statunitense.

Kudlow: Pil Usa al 4%. Intanto però torna l'incubo Brexit

Come tappare i buchi del bilancio Ue dopo la Brexit

Come sopperire al buco nel bilancio Ue lasciato dalla Brexit?

Come tappare i buchi del bilancio Ue dopo la Brexit

Elezione presidenti delle Camere. C'è da preoccuparsi? Forse sì

Cresce l’attesa per la prima di Powell da presidente della Fed e alle prossime decisioni sui tassi di interesse, da tutti visti in rialzo. Ma a cosa guardano realmente i mercati? La risposta Vincenzo Longo Market Strategist di IG.

Elezione presidenti delle Camere. C'è da preoccuparsi? Forse sì

Annuncio a sorpresa: trovato l'accordo per la Brexit

Quando ormai la notizia era uscita dall'interesse delle cronache finanziarie, l'Unione Europea e Gran Bretagna annunciano di aver trovato un accordo di massima.

Annuncio a sorpresa: trovato l'accordo per la Brexit

Effetto Brexit: Unilever dice addio a Londra

Secondo quanto riportato da Reuters, dopo il tentativo di fusione proposto da Kraft Heinz, il board di Unilever avrebbe deciso di implementare l'unificazione delle due società quotate tra Londra ed Amsterdam,

Effetto Brexit: Unilever dice addio a Londra

Altre nubi sulla Brexit: Ue gela May. 2018 ancora più difficile

A far riemergere i problemi accantonati è stata la dichiarazione del capo negoziatore Ue Michel Barnier secondo cui la fine del periodo di transizione della Brexit non dovrà oltrepassare la data del 31 dicembre 2020 (non più i due anni chiesti da Londra).

Altre nubi sulla Brexit: Ue gela May. 2018 ancora più difficile

Brexit: gli inglesi ci ripensano, il 51% non la vuole più

Saranno i tanti intoppi sul lungo e impervio cammino del divorzio, sta di fatto che gli inglesi, adesso, non sembra accettino la Brexit con lo stesso entusiasmo.

Brexit: gli inglesi ci ripensano, il 51% non la vuole più

Parlamento inglese zavorra la Brexit, May sempre più in bilico

Sembrava fatta. E invece no. I parlamentari inglesi, a prescindere dal partito, si sono coalizzati contro la May per avere l'ultima parola sul trattato che regolerà la Brexit.

Parlamento inglese zavorra la Brexit, May sempre più in bilico

Brexit, l’Europa ha il coltello dalla parte del manico

I modelli di commercio norvegese e canadese i più quotati.

Brexit, l’Europa ha il coltello dalla parte del manico

Investire nell'immobiliare Inglese a dispetto della Brexit

Molti degli scenari ipotizzati per la brexit si sono rivelati falsi e forvianti. Analizzare con razionalità la situazione è la premessa per un buon investimento.

Investire nell'immobiliare Inglese a dispetto della Brexit

Accordo Brexit e GBP in ripresa

La May ha dovuto accettare gran parte delle richieste europee.

Accordo Brexit e GBP in ripresa

Brexit: altre 72 ore prima della fine

Il portavoce della Commissione Ue, Margaritis Schinas ha confermato la volontà di incontrare il premier inglese Theresa May per decidere gli ultimi particolari dei colloqui tra l'Ue e Londra.

Brexit: altre 72 ore prima della fine

Brexit: l'accordo sfuma. Volatilità in vista per la sterlina

Ieri, nonostante l'ottimismo di fondo che aleggiava a Bruxelles, l'accordo sulla prima fase dei colloqui per la Brexit, già dichiarato raggiunto al 90%, è saltato. Cosa mancava?

Brexit: l'accordo sfuma. Volatilità in vista per la sterlina

Brexit: manca accordo su Irlanda ma la sterlina corre

Nella città belga oggi si terranno i colloqui tra i rappresentanti Ue (Jean-Claude Juncker e Donald Tusk) e il premier britannico Theresa May.

Brexit: manca accordo su Irlanda ma la sterlina corre

Brexit, Barnier conferma che l'accordo finanziario è vicino

Secondo indiscrezioni, Londra e Bruxelles avrebbero raggiunto una intesa preliminare sul conto che i britannici dovranno accettare di pagare perché si possa avviare la seconda fase dei negoziati Brexit.

Brexit, Barnier conferma che l'accordo finanziario è vicino
apk