Dollaro

Il dollaro, la valuta americana

Il dollaro americano è l'unità unitaria ufficiale che viene utilizzata negli Stati Uniti d'America dal lontano 1785. Esso, viene utilizzato sui mercati internazionali come valuta convenzionale, per le quotazioni ufficiali di oro e petrolio.
Il dollaro americano si divide in 100 centesimi ed è rappresentato dal simbolo $.

Nel sistema bancario ed economico, il dollaro (meglio detto USD in riferimento alle contrattazioni sul mercato del Forex) viene identificato dal codice ISO 4217 (Organizzazione Internazionale per le Standardizzazioni).
Dal 1927 la Federal Reserve stampa le banconote, che dal 1946 non compaiono più in tagli di banconote superiori ai 100 dollari), mentre le monete, che originariamente dividevano il dollaro in 1000 "mill" (in uso fino alla Seconda Guerra mondiale, quando il costo dell'alluminio divenne troppo elevato), compongono ora 1 dollaro di 100 centesimi.

Le origini

Le origini del dollaro riportano all'antica Sassonia (Germania) del 1519, quando venne coniata la moneta d'argento "taler" (o tallero), che ancor oggi rappresenta il valore monetario di riferimento per diverse Nazioni, quali il Canada, la Nuova Zelanda, Singapore.

Il dollaro americano vero e proprio deve invece le sue origini alla regione spagnola e precisamente alla moneta "doleras", che veniva utilizzata principalmente nelle Colonie catalane. Durante la Guerra Civile, il 6 luglio 1785, il Governo federale americano fu il primo ad emettere le banconote del dollaro (denominate "greenbacks", a causa del colore verde) usate come valuta con sistema decimale.

La convertibilità e la forza del dollaro

Durante il periodo post bellico, nel luglio del 1944, a New Hampshire, a seguito del convegno finanziario e monetario delle Nazioni Unite Bretton Woods (composto da 44 Nazioni), vennero create la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale, con lo scopo di garantire la convertibilità delle monete di ogni nazione in oro o in dollari americani, attività che vennero definite "a riserva di valore" (con una fluttuazione max del 1%).

Con tale operazione il valore del dollaro americano venne rafforzato, ma la crisi verificatasi negli anni sessanta, dovuta in parte alla crescita economica di Paesi quali Giappone e Germania, e in parte alla Guerra del Vietnam, lo Stato americano si trovò costretto a contrattare con le Banche Centrali al fine di fissare il prezzo di cambio tra oro e dollaro, in un rapporto pari a 35 dollari per 1 oncia oz (28,35 grammi d'oro): nacque così il Gold Standard.
In quegli anni si sviluppa inoltre il concetto sempre più assodato di oro come "bene rifugio", acquistato in caso di perdita del valore monetario (e dunque della mancanza di stabilità economica esterna) e venduto in situazione di crescita economica.

Soltanto con la decisione presa dall'allora Presidente in carica degli Stati Uniti, Richard Nixon, venne abolita, nel 1971, la commutabilità del dollaro americano in oro, rafforzando così il sistema fluttuante degli Stati Uniti.

Il periodo del petroldollaro

Nel 1974 le Nazioni appartenenti all'OPEC (Organization of the Petroleum Exporting Countries) ridussero la produzione del petrolio, limitando gli scambi di materia prima soltanto con il pagamento in dollari: nacque in tal senso il concetto di "petroldollaro" come valuta e misura di valore a se stante, che causò una crisi energetica globale. Nel contempo, tuttavia, la valuta del dollaro assistì ad un rafforzamento dato dal sostegno derivante dagli investimenti dei produttori arabi in Treasury bond ed attività statali americane.

Per ridurre lo scostamento del prezzo tra le valute interne ai Paesi d'Europa, venne creato, nel 1979, il Sistema Monetario Europeo, negli stessi anni in cui negli Stati Uniti la Federal Reserve decise di aumentare i tassi d'interesse, rafforzando radicalmente il valore del dollaro.

L'euro ed il dollaro

Con l'ingresso dell'Euro, avvenuto nel gennaio del 1999, il dollaro si trova a fronteggiare una nuova divisa forte, pronta a divenire in ben poco tempo la valuta che determinerà l'effettivo indebolimento del dollaro statunitense (nel cambio EUR/USD).
Nel corso degli anni 2000, e in particolare da dopo i due fattori emblematici per gli USA (il crollo delle Torri Gemelle nel 2001 ed il fallimento Lehman Brothers nel 2007), alcuni tra i più importanti Paesi in crescita (tra i quali Cina, India, Turchia, Russia, Brasile, Argentina e Corea) aumentarono le proprie riserve Nazionali a favore di divise anti-dollaro (e indirettamente pro Euro) e materie prime, abbassando in modo definitivo il valore del biglietto verde, che ha continuato a svalutarsi nel tempo.

Per maggiori informazioni: DOLLARO



Criptovalute: Bitcoin scalda motori per un rally, durata 6 mesi

Bitcoin gennaio-giugno 2020, tre indicatori tecnici suggeriscono un rally. Trend rialzista oro digitale ancora in corso, è partito nel dicembre 2018. BTC per i prossimi mesi, possibile salita lenta ed in progressione. Nuova stagione rialzista pure per gli Altcoins? La questione invece resta aperta.

Criptovalute: Bitcoin scalda motori per un rally, durata 6 mesi

Azioni: spazio ai long con alcune accortezze. Eur/Usd: buy ora?

Le Borse confermano un'ottima intonazione e nel breve sono attese ancora in rialzo, magari con un po' più di indecisione. L'analisi di Alessandro Cocco.

Azioni: spazio ai long con alcune accortezze. Eur/Usd: buy ora?

Criptovalute: Ripple, doppio target rialzista a portata di mano

Medie mobili Ripple sull'orlo del crossover rialzista. La rottura al rialzo della vigilia può cambiare le carte in tavola. Resistenza XRP di breve termine in area 0,22, massimo della vigilia. I livelli operativi su Ripple per il trading online di breve termine consigliati da Mustapha Azeez su coinfomania.com.

Criptovalute: Ripple, doppio target rialzista a portata di mano

Ftse Mib: trend rialzista a rischio? Eur/Usd: possibili sorprese

Il Ftse Mib dovrà difendere i minimi delle ultime sedute per evitare una prosecuzione del trend ribassista di breve. L'analisi di Laura Sovardi.

Ftse Mib: trend rialzista a rischio? Eur/Usd: possibili sorprese

Criptovalute: Ripple boom, 3 ragioni per credere davvero in XRP

Binance lancia il future XRP/$USDT con effetto leva fino a 75, e con durata perpetua. Massimo Ripple a 0,222 dollari nelle ultime 24 ore. Future XRP/$USDT appetibile anche per schivare i pericoli di dumping sull'attività sottostante secondo Christine Vasileva su bitcoinist.com. Il peggio su Ripple è finalmente alle spalle?

Criptovalute: Ripple boom, 3 ragioni per credere davvero in XRP

Azioni a rischio, non comprare. View su Eur/Usd, Oro e Petrolio

Le Borse sono ripiombate in un grande risk-off e sono a rischio in questa fase: come muoversi nel breve? Le indicazioni di Davide Biocchi.

Azioni a rischio, non comprare. View su Eur/Usd, Oro e Petrolio

Criptovalute: Bitcoin, 3 fattori che faranno esplodere i prezzi

Anno della riscossa per il Bitcoin, sarà il 2020? Oro digitale più appetibile con la riduzione dell'offerta di nuovi token sul mercato per effetto del dimezzamento della ricompensa riconosciuta ai minatori di BTC. Criptomonete bene rifugio se le Borse crollano. Bitcoin alternativa libera alla crisi delle valute fiat, ecco perché.

Criptovalute: Bitcoin, 3 fattori che faranno esplodere i prezzi

Criptovalute, Ripple 2020: scenari XRP dopo sbornia ribassista

Analisi tecnica su Ripple, lo scenario è ancora ribassista nel breve-medio termine. XRP, solo sopra $ 0,28 si potrà infatti parlare di netta inversione della tendenza e dello scenario. L'inesorabile caduta dei prezzi di Ripple nel 2019. Supporto critico XRP a $ 0,17 nel breve termine.

Criptovalute, Ripple 2020: scenari XRP dopo sbornia ribassista

Criptovalute, Bitcoin invisibile e portatile straccia oro fisico

L'agenzia finanziaria Weiss Ratings è schierata dalla parte del Bitcoin rispetto all'oro fisico, ecco perché nell'ambito di una disputa che, nel confronto con il metallo giallo, è attiva da mesi su social network come Twitter. Peter Schiff e Mark Cuban preferiscono il metallo giallo. Mark Cuban, addirittura, ai BTC preferirebbe acquistare banane, mentre Peter Schiff è noto, nella comunità crypto, per essere del Bitcoin un odiatore in quanto nutre una risoluta ed irriducibile ostilità.

Criptovalute, Bitcoin invisibile e portatile straccia oro fisico

Criptovalute: Bitcoin come il vino buono, sarà ottima annata

Il Bitcoin diventerà la valuta di Internet? Oro digitale come Amazon, incompresa nella sua fase nascente? Transazioni Bitcoin vs Internet nel 2019. 2020 anno del sorpasso della blockchain sul web? Ecco la view di Willy Woo, ed anche quella del CEO di Twitter e di Joe Kernen, noto conduttore sulla CNBC.

Criptovalute: Bitcoin come il vino buono, sarà ottima annata

Ftse Mib: quando aprire nuovi long? Eur/Usd: festa finita

Il Ftse Mib difficilmente invierà segnali rialzisti decisi fino a quando i volumi saranno bassi. L'analisi e le strategie di Antonello Marceddu.

Ftse Mib: quando aprire nuovi long? Eur/Usd: festa finita

Ftse Mib: si vola o si crolla ora? Eur/Usd verso grande svolta

Il 2020 non sarà un anno banale: per il Ftse Mib potrebbero aprirsi scenari positivi importanti, ma in caso contrario bisognerà avere un grande paracadute. La view di Davide Biocchi.

Ftse Mib: si vola o si crolla ora? Eur/Usd verso grande svolta

Criptovalute: Bitcoin 2020, stravolgerà la tua vita quotidiana

Le criptovalute nel nuovo decennio, non sono più una tecnologia di nicchia. I sistemi finanziari e monetari cambieranno grazie proprio alle criptomonete secondo Tyler Winklevoss che è il co-fondatore ed il CEO di Gemini Trust. Bitcoin in dieci anni a confronto con il miglior titolo azionario. Vediamo come è andata.

Criptovalute: Bitcoin 2020, stravolgerà la tua vita quotidiana

Criptovalute, Bitcoin +330%: attenzione alla storia, si ripete

Segnale di Buy è scattato sul Bitcoin, è simile al rally 2018-2019 secondo Charles Edwards, noto digital asset manager.. Oro digitale, le prospettive per i tori stanno via via migliorando, ecco perché. View bullish su BTC anche da parte di Scott Melker. Il rally 2020 quindi è alle porte? Bitcoin oggi sul mercato delle criptovalute, possibile test al rialzo sui massimi mensili.

Criptovalute, Bitcoin +330%: attenzione alla storia, si ripete

Criptovalute: Bitcoin 2020, Craig Wright distruggerà il mercato?

1 milione di Bitcoin bloccati nel Tulip Trust. Da 100 mila dollari a 8 miliardi, quanto basta per far collassare il mercato delle criptomonete. Craig Steven Wright conto alla rovescia, acquisirà davvero le chiavi per 1 milione di BTC? 1 gennaio del 2020, un giorno incredibilmente importante per l'oro digitale, ecco perché.

Criptovalute: Bitcoin 2020, Craig Wright distruggerà il mercato?

Criptovalute Bitcoin, Ether e Ripple: il 2020 che non ti aspetti

Bitcoin, Ethereum e Ripple dopo un 2019 da dimenticare. Oro digitale fuori dal coro nel 2019 rispetto agli Altcoins. Perché il 2020 potrebbe essere un anno di rialzi per le criptomonete. Le criptovalute come bene rifugio rispetto alla svalutazione della moneta fiat. Massima attenzione, inoltre, ai rischi elevati di distorsione dei prezzi dei titoli azionari rispetto ai fattori di natura fondamentale.

Criptovalute Bitcoin, Ether e Ripple: il 2020 che non ti aspetti
apk