Dollaro

Il dollaro, la valuta americana

Il dollaro americano è l'unità unitaria ufficiale che viene utilizzata negli Stati Uniti d'America dal lontano 1785. Esso, viene utilizzato sui mercati internazionali come valuta convenzionale, per le quotazioni ufficiali di oro e petrolio.
Il dollaro americano si divide in 100 centesimi ed è rappresentato dal simbolo $.

Nel sistema bancario ed economico, il dollaro (meglio detto USD in riferimento alle contrattazioni sul mercato del Forex) viene identificato dal codice ISO 4217 (Organizzazione Internazionale per le Standardizzazioni).
Dal 1927 la Federal Reserve stampa le banconote, che dal 1946 non compaiono più in tagli di banconote superiori ai 100 dollari), mentre le monete, che originariamente dividevano il dollaro in 1000 "mill" (in uso fino alla Seconda Guerra mondiale, quando il costo dell'alluminio divenne troppo elevato), compongono ora 1 dollaro di 100 centesimi.

Le origini

Le origini del dollaro riportano all'antica Sassonia (Germania) del 1519, quando venne coniata la moneta d'argento "taler" (o tallero), che ancor oggi rappresenta il valore monetario di riferimento per diverse Nazioni, quali il Canada, la Nuova Zelanda, Singapore.

Il dollaro americano vero e proprio deve invece le sue origini alla regione spagnola e precisamente alla moneta "doleras", che veniva utilizzata principalmente nelle Colonie catalane. Durante la Guerra Civile, il 6 luglio 1785, il Governo federale americano fu il primo ad emettere le banconote del dollaro (denominate "greenbacks", a causa del colore verde) usate come valuta con sistema decimale.

La convertibilità e la forza del dollaro

Durante il periodo post bellico, nel luglio del 1944, a New Hampshire, a seguito del convegno finanziario e monetario delle Nazioni Unite Bretton Woods (composto da 44 Nazioni), vennero create la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale, con lo scopo di garantire la convertibilità delle monete di ogni nazione in oro o in dollari americani, attività che vennero definite "a riserva di valore" (con una fluttuazione max del 1%).

Con tale operazione il valore del dollaro americano venne rafforzato, ma la crisi verificatasi negli anni sessanta, dovuta in parte alla crescita economica di Paesi quali Giappone e Germania, e in parte alla Guerra del Vietnam, lo Stato americano si trovò costretto a contrattare con le Banche Centrali al fine di fissare il prezzo di cambio tra oro e dollaro, in un rapporto pari a 35 dollari per 1 oncia oz (28,35 grammi d'oro): nacque così il Gold Standard.
In quegli anni si sviluppa inoltre il concetto sempre più assodato di oro come "bene rifugio", acquistato in caso di perdita del valore monetario (e dunque della mancanza di stabilità economica esterna) e venduto in situazione di crescita economica.

Soltanto con la decisione presa dall'allora Presidente in carica degli Stati Uniti, Richard Nixon, venne abolita, nel 1971, la commutabilità del dollaro americano in oro, rafforzando così il sistema fluttuante degli Stati Uniti.

Il periodo del petroldollaro

Nel 1974 le Nazioni appartenenti all'OPEC (Organization of the Petroleum Exporting Countries) ridussero la produzione del petrolio, limitando gli scambi di materia prima soltanto con il pagamento in dollari: nacque in tal senso il concetto di "petroldollaro" come valuta e misura di valore a se stante, che causò una crisi energetica globale. Nel contempo, tuttavia, la valuta del dollaro assistì ad un rafforzamento dato dal sostegno derivante dagli investimenti dei produttori arabi in Treasury bond ed attività statali americane.

Per ridurre lo scostamento del prezzo tra le valute interne ai Paesi d'Europa, venne creato, nel 1979, il Sistema Monetario Europeo, negli stessi anni in cui negli Stati Uniti la Federal Reserve decise di aumentare i tassi d'interesse, rafforzando radicalmente il valore del dollaro.

L'euro ed il dollaro

Con l'ingresso dell'Euro, avvenuto nel gennaio del 1999, il dollaro si trova a fronteggiare una nuova divisa forte, pronta a divenire in ben poco tempo la valuta che determinerà l'effettivo indebolimento del dollaro statunitense (nel cambio EUR/USD).
Nel corso degli anni 2000, e in particolare da dopo i due fattori emblematici per gli USA (il crollo delle Torri Gemelle nel 2001 ed il fallimento Lehman Brothers nel 2007), alcuni tra i più importanti Paesi in crescita (tra i quali Cina, India, Turchia, Russia, Brasile, Argentina e Corea) aumentarono le proprie riserve Nazionali a favore di divise anti-dollaro (e indirettamente pro Euro) e materie prime, abbassando in modo definitivo il valore del biglietto verde, che ha continuato a svalutarsi nel tempo.

Per maggiori informazioni: DOLLARO



Criptovaluta Bitcoin a 100000, ora la bestia è davvero scatenata

Bitcoin a dir poco scatenato, come quando i tori entrano nell'arena. Il rally di BTC è spaziale, +210% dai minimi del 2018. Esplosione dei prezzi dell'oro digitale, stavolta c'è davvero lo zampino degli investitori istituzionali. Per Naeem Aslam su Forbes il Bitcoin stavolta può toccare i 100000 dollari, ecco perché.

Criptovaluta Bitcoin a 100000, ora la bestia è davvero scatenata

Germania: indice IFO giù meno delle stime. Eur/Usd allunga

A giugno l'indice IFO è calato a 97,4 punti, poco meno del previsto. Le Borse restano caute, ma l'Euro-Dollaro si rafforza un po'.

Germania: indice IFO giù meno delle stime. Eur/Usd allunga

Criptovalute: Bitcoin decolla come un razzo, ora ci divertiamo

Quotazioni Bitcoin esplosive, rally fino a lambire quota 11.200 dollari. Target rialzista choc per l'oro digitale considerando i precedenti cicli parabolici. Peter Brandt non a caso avverte: BTC si trova nella quarta fase parabolica, e potrebbe prendere di mira i $ 100k. Un mercato rialzista sulle criptomonete come nessun altro nei suoi 45 anni di trading.

Criptovalute: Bitcoin decolla come un razzo, ora ci divertiamo

Criptovalute: Bitcoin chiamata rally estivo, si aprono le danze?

Bitcoin a $ 10.000, attacco in corso! Perché le quotazioni di BTC stanno salendo in progressione. Capitalizzazione criptomonete e tasso di dominanza dell'oro digitale, bei numeri! Rally estivo criptovalute, attenzione ai temporali ed agli scrosci di pioggia, riporta Shawn Du'Mmett su cryptopolitan.com.

Criptovalute: Bitcoin chiamata rally estivo, si aprono le danze?

Piazza Affari ancora favorita nel breve. Eur/Usd sull'altalena

Per il Ftse Mib sembra ormai una certezza il test dei massimi dell'anno, il superamento dei quali però non sarà cosa agevole. L'analisi di Vincenzo Longo.

Piazza Affari ancora favorita nel breve. Eur/Usd sull'altalena

Criptovalute: Bitcoin a 62000 in 3 mesi, BTC come palla di fuoco

Bitcoin a +570% in 147 giorni, corsi e ricorsi storici. Oro digitale verso nuovi massimi annuali, tre ragioni per crederci. Le previsioni su BTC di Tyler Winklevoss. Attenzione ai Futures Bakkt Bitcoin, il 22 luglio i primi test!

Criptovalute: Bitcoin a 62000 in 3 mesi, BTC come palla di fuoco

Borse: ecco quando uscire alla svelta. Eur/Usd a fine corsa?

A livello intermarket non ci sono elementi favorevoli per le Borse che però al momento non hanno fornito segnali di inversione o di indebolimento. L'analisi di Pietro Paciello.

Borse: ecco quando uscire alla svelta. Eur/Usd a fine corsa?

Lettera finanziaria. Il dollaro si svaluta

Come previsto ed in perfetto effetto contrarian il dollaro si svaluta, come voleva Trump, e pur in presenza di una Fed, che taglierà i tassi già da luglio e forse qualche altra volta nel secondo semestre.

Lettera finanziaria. Il dollaro si svaluta

Criptovalute: Bitcoin, Tom Lee sgancia un nuovo prezzo obiettivo

Criptomoneta Facebook dà legittimazione a tutto il settore. Bitcoin, target price Tom Lee a 40.000 dollari. Libra e BTC? Possono convivere! Il futuro, finanza decentralizzata e BTC come riserva di valore. Libra, la nuova moneta virtuale di Mark Zuckerberg, non è inoltre una minaccia al Bitcoin, ma complementare. Ecco perché.

Criptovalute: Bitcoin, Tom Lee sgancia un nuovo prezzo obiettivo

Piazza Affari ancora toro nel breve. Eur/Usd: situazione critica

Per il Ftse Mib l'enfasi del movimento di ieri lascia pensare ad una continuazione del trend nel breve. L'analisi di Antonello Marceddu.

Piazza Affari ancora toro nel breve. Eur/Usd: situazione critica

Criptovaluta Bitcoin impeperonata, Pompliano apre gas a martello

Mercato criptovalute verso una fase toro che potrebbe avere dell'incredibile. Bitcoin a 10mila dollari? Non si vedono da un bel pezzo! Sentiment BTC, dalla capitolazione al bull market. La view di Anthony Pompliano, co-fondatore e partner di Morgan Creek Digital, che è pure bullish sul progetto crypto di Facebook, ed il punto della situazione sull'oro digitale sul mercato delle criptomonete.

Criptovaluta Bitcoin impeperonata, Pompliano apre gas a martello

Germania: crolla l'indice Zew, ma Borse su. Eur/Usd sotto 1,12

A giugno l'indice Zew è piombato a -21,1 punti rispetto ai -2,1 punti di maggio, deludendo nettamente le attese. Sull'euro-dollaro pesano parole Draghi.

Germania: crolla l'indice Zew, ma Borse su. Eur/Usd sotto 1,12

Piazza Affari esposta a rischi al ribasso. I titoli ancora buoni

Il Ftse Mib dovrebbe riportarsi quantomeno sui minimi di fine 2018: consigliati ora portafogli concentrati su pochi titoli. L'analisi di Fabrizio Brasili.

Piazza Affari esposta a rischi al ribasso. I titoli ancora buoni

Criptovalute: Ripple show, il prezzo di oggi moltiplicato per 65

Criptovaluta Ripple a 28 dollari, quanto c'è di irragionevole? Il rally di XRP secondo un cripto-trader: più lungo è il consolidamento, maggiore sarà l'espansione. Ripple a $ 28 come il Bitcoin a 1 milione di dollari di John McAfee? Ecco il punto della situazione su Ripple andando anche a caccia di previsioni motivate, spiegate ma anche quantomeno azzardate su Twitter.

Criptovalute: Ripple show, il prezzo di oggi moltiplicato per 65

Criptovalute: Bitcoin a tutta, meglio prepararsi subito al rally

La posizione di Fundstrat Global Advisors sul mercato delle criptovalute. Rob Sluymer sul Bitcoin, view bullish! Bitcoin non lontano dai 9.000 dollari, ma tutto si gioca sopra i diecimila, ecco perché secondo quanto ribadito recentemente da un altro esponente di Fundstrat Global Advisors, il co-fondatore Tom Lee.

Criptovalute: Bitcoin a tutta, meglio prepararsi subito al rally

Criptovalute: Ripple a 7 dollari, 1 luglio 2019 per la sentenza

Mercato delle criptovalute dal Bitcoin al Litecoin, sarà un'estate di rialzi? Previsioni su Ripple, il target dei $ 7 è puramente fantasioso? XRP secondo Peter J. Zacharias, trader in criptomonete e cross valutari: siamo arrivati ad un punto di svolta! Ecco perché.

Criptovalute: Ripple a 7 dollari, 1 luglio 2019 per la sentenza
apk