Dollaro

RSS

Il dollaro, la valuta americana

Il dollaro americano è l'unità unitaria ufficiale che viene utilizzata negli Stati Uniti d'America dal lontano 1785. Esso, viene utilizzato sui mercati internazionali come valuta convenzionale, per le quotazioni ufficiali di oro e petrolio.
Il dollaro americano si divide in 100 centesimi ed è rappresentato dal simbolo $.

Nel sistema bancario ed economico, il dollaro (meglio detto USD in riferimento alle contrattazioni sul mercato del Forex) viene identificato dal codice ISO 4217 (Organizzazione Internazionale per le Standardizzazioni).
Dal 1927 la Federal Reserve stampa le banconote, che dal 1946 non compaiono più in tagli di banconote superiori ai 100 dollari), mentre le monete, che originariamente dividevano il dollaro in 1000 "mill" (in uso fino alla Seconda Guerra mondiale, quando il costo dell'alluminio divenne troppo elevato), compongono ora 1 dollaro di 100 centesimi.

Le origini

Le origini del dollaro riportano all'antica Sassonia (Germania) del 1519, quando venne coniata la moneta d'argento "taler" (o tallero), che ancor oggi rappresenta il valore monetario di riferimento per diverse Nazioni, quali il Canada, la Nuova Zelanda, Singapore.

Il dollaro americano vero e proprio deve invece le sue origini alla regione spagnola e precisamente alla moneta "doleras", che veniva utilizzata principalmente nelle Colonie catalane. Durante la Guerra Civile, il 6 luglio 1785, il Governo federale americano fu il primo ad emettere le banconote del dollaro (denominate "greenbacks", a causa del colore verde) usate come valuta con sistema decimale.

La convertibilità e la forza del dollaro

Durante il periodo post bellico, nel luglio del 1944, a New Hampshire, a seguito del convegno finanziario e monetario delle Nazioni Unite Bretton Woods (composto da 44 Nazioni), vennero create la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale, con lo scopo di garantire la convertibilità delle monete di ogni nazione in oro o in dollari americani, attività che vennero definite "a riserva di valore" (con una fluttuazione max del 1%).

Con tale operazione il valore del dollaro americano venne rafforzato, ma la crisi verificatasi negli anni sessanta, dovuta in parte alla crescita economica di Paesi quali Giappone e Germania, e in parte alla Guerra del Vietnam, lo Stato americano si trovò costretto a contrattare con le Banche Centrali al fine di fissare il prezzo di cambio tra oro e dollaro, in un rapporto pari a 35 dollari per 1 oncia oz (28,35 grammi d'oro): nacque così il Gold Standard.
In quegli anni si sviluppa inoltre il concetto sempre più assodato di oro come "bene rifugio", acquistato in caso di perdita del valore monetario (e dunque della mancanza di stabilità economica esterna) e venduto in situazione di crescita economica.

Soltanto con la decisione presa dall'allora Presidente in carica degli Stati Uniti, Richard Nixon, venne abolita, nel 1971, la commutabilità del dollaro americano in oro, rafforzando così il sistema fluttuante degli Stati Uniti.

Il periodo del petroldollaro

Nel 1974 le Nazioni appartenenti all'OPEC (Organization of the Petroleum Exporting Countries) ridussero la produzione del petrolio, limitando gli scambi di materia prima soltanto con il pagamento in dollari: nacque in tal senso il concetto di "petroldollaro" come valuta e misura di valore a se stante, che causò una crisi energetica globale. Nel contempo, tuttavia, la valuta del dollaro assistì ad un rafforzamento dato dal sostegno derivante dagli investimenti dei produttori arabi in Treasury bond ed attività statali americane.

Per ridurre lo scostamento del prezzo tra le valute interne ai Paesi d'Europa, venne creato, nel 1979, il Sistema Monetario Europeo, negli stessi anni in cui negli Stati Uniti la Federal Reserve decise di aumentare i tassi d'interesse, rafforzando radicalmente il valore del dollaro.

L'euro ed il dollaro

Con l'ingresso dell'Euro, avvenuto nel gennaio del 1999, il dollaro si trova a fronteggiare una nuova divisa forte, pronta a divenire in ben poco tempo la valuta che determinerà l'effettivo indebolimento del dollaro statunitense (nel cambio EUR/USD).
Nel corso degli anni 2000, e in particolare da dopo i due fattori emblematici per gli USA (il crollo delle Torri Gemelle nel 2001 ed il fallimento Lehman Brothers nel 2007), alcuni tra i più importanti Paesi in crescita (tra i quali Cina, India, Turchia, Russia, Brasile, Argentina e Corea) aumentarono le proprie riserve Nazionali a favore di divise anti-dollaro (e indirettamente pro Euro) e materie prime, abbassando in modo definitivo il valore del biglietto verde, che ha continuato a svalutarsi nel tempo.

Per maggiori informazioni: DOLLARO



Trump: per niente contento di Powell

Per nulla contento di averlo eletto. Questo il giudizio stringato e senza possibilità d'appello che il presidente Usa Donald Trump ha espresso sul numero uno della Fed Jerome Powell.

Trump: per niente contento di Powell

Criptovalute: Bitcoin preso a sberle, 6 mesi per recuperare

Quotazioni Bitcoin: 6 mesi per recuperare, o saranno guai. Investire in criptovalute, istituzionali resteranno alla larga? Facciamo il punto della situazione considerando che per il mondo crypto quello attuale è uno dei periodi peggiori di sempre.

Criptovalute: Bitcoin preso a sberle, 6 mesi per recuperare

Criptovalute: Bitcoin sprofondo rosso, target prossima fermata

Orsi e tori sull'oro digitale, da Michael Moro a Tom Lee. Scenario tecnico Bitcoin fortemente deteriorato, ma non può piovere per sempre.

Criptovalute: Bitcoin sprofondo rosso, target prossima fermata

Criptovalute: Ethereum lancia mayday, si sono ristretti i prezzi

Capitalizzazione criptovalute a $ 132 miliardi, nuovo minimo del 2018. Ethereum a 100 dollari con il Bitcoin a $ 3.000? Crollo criptomonete, sempre più difficile non partecipare al sell-off.

Criptovalute: Ethereum lancia mayday, si sono ristretti i prezzi

Wall Street scende: focus sul retail nel giorno del Black Friday

Il mercato mostra un'intonazione negativa in una giornata a mezzo servizio vista la chiusura anticipata degli scambi. I titoli da tenere d'occhio.

Wall Street scende: focus sul retail nel giorno del Black Friday

EUR/USD fiacco, ma non a lungo. Il re dollaro mollerà lo scettro

L'euro si conferma incapace di mettere a segno recuperi duraturi contro il dollaro e questo scenario ci accompagnerà ancora nel breve. Dal 2019 però la musica inizierà a cambiare e bisognerà rivedere le strategie di investimento sulle valute.

EUR/USD fiacco, ma non a lungo. Il re dollaro mollerà lo scettro

Borse in lotta sui supporti: pericoli non ancora scampati

La variabile chiave ora più che il dollaro è data dall'andamento degli indici azionari Usa che determineranno i movimenti degli asset valutari. Le attese nel breve secondo Pietro Paciello.

Borse in lotta sui supporti: pericoli non ancora scampati

Criptovaluta Ripple in caduta a scoppio ritardato, le vere cause

Ecco perché i prezzi di Ripple sono scesi sotto i 0,50 dollari. XRP, scenario tecnico di breve termine tra 0,40 e 0,50 dollari. Facciamo il punto della situazione.

Criptovaluta Ripple in caduta a scoppio ritardato, le vere cause

Piazza Affari: attesa una prosecuzione del recupero nel breve

Non si può ancora dire che il Ftse Mib sia arrivato alla fine del ribasso, ma lo spunto rialzista di oggi potrebbe favorire ulteriori salite. La view di Antonello Marceddu.

Piazza Affari: attesa una prosecuzione del recupero nel breve

Criptovalute: Bitcoin nel girone infernale, Ripple tiene botta

XRP resiste alla mattanza, ora è la seconda criptovaluta più capitalizzata. Prezzi Bitcoin, crollo o semplice ritracciamento? Le previsioni su BTC di Anthony Pompliano potrebbero avverarsi.

Criptovalute: Bitcoin nel girone infernale, Ripple tiene botta

Criptovalute, Bitcoin: Tim Draper ancora scatenato fino al 2022

Bitcoin a $ 250.000 grazie alla fuga dalle valute centralizzate emesse dai Governi. BTC vincerà la sfida della globalizzazione? Tim Draper, Bitcoin unico asset per acquisire o per investire nelle società crittografiche.

Criptovalute, Bitcoin: Tim Draper ancora scatenato fino al 2022

Il mercato resterà orientato al ribasso: titoli buoni e cattivi

A Piazza Affari non avremo un vero e proprio rally di Natale, ma un attento stock picking da parte dei professionisti. Le attese nel breve e i titoli da valutare secondo Fabrizio Brasili.

Il mercato resterà orientato al ribasso: titoli buoni e cattivi

Criptovaluta Bitcoin, livelli e scenari per evitare mare di guai

Prezzi Bitcoin, non ancora scongiurato il test in area $ 5.000. Capitalizzazione criptovalute poco sopra i $ 175 miliardi. Dan Morehead sul Bitcoin, 'Miliardi di persone lo useranno'.

Criptovaluta Bitcoin, livelli e scenari per evitare mare di guai

Borse: rialzo possibile solo se oro e dollaro faranno una pausa

Fino a quando non avremo un breakout deciso da parte di uno degli indici guida, dobbiamo continuare a pensare che le Borse vadano verso una fase di debolezza/prese di beneficio. L'analisi e le indicazioni di Pietro Paciello.

Borse: rialzo possibile solo se oro e dollaro faranno una pausa

Prevedibile un calo del dollaro

I tori dell’USD, a ragione, si sono concentrati su accelerazione dei fondamentali, solidi utili societari e aumento dei tassi.

Prevedibile un calo del dollaro

EUR/USD: rimbalzo finito? La view dei broker non solo nel breve

Dai minimi di lunedì scorso la moneta unica ha risalito la china, fallendo però nel tentativo di accelerare sopra quota 1,13. Cosa aspettarsi per il cambio ora?

EUR/USD: rimbalzo finito? La view dei broker non solo nel breve
apk