FOMC

RSS

Federal Open Market Committee, FOMC

Il FOMC, ovvero il Federal Open Market Committee (Comitato federale del mercato aperto) è un organismo facente parte della Federal Reserve americana. Esso si occupa della sorveglianza delle operazioni di mercato aperto (open market operations) negli Stati Uniti e rappresenta il principale strumento di politica monetaria, soprattutto perché in grado di influenzare il livello dei tassi d'interesse (federal funds rate).

Il FOMC, le sue mansioni e la FED

La Federal Reserve, ovvero la Banca Centrale degli Stati Uniti d'America, si occupa del controllo dei tre principali strumenti di politica monetaria, che sono rappresentati dal tasso di sconto e dagli obblighi di riserva, per i quali è responsabile il Board of Governors (il Consiglio dei Governatori della FED), mentre il Federal Open Market Committee (FOMC) dirige ed è responsabile delle operazioni di mercato aperto.
Attraverso il lavoro del Federal Open Market Committee, la FED gestisce il livello monetario (credito e moneta) del paese.

Le operazioni di mercato aperto

Le operazioni di mercato aperto sono le transazioni effettuate dalla banca centrale (di acquisto o vendita di titoli), che hanno lo scopo di controllare la base monetaria.

Attraverso le operazioni di acquisto dei titoli la banca centrale aggiunge liquidità nel sistema economico finanziario, mentre, vendendo i titoli, la banca diminuisce lo stato di liquidità del sistema.

Lo statuto del FOMC

Lo statuto prevede che il Federal Open Market Committee abbia l'obbligo di riunirsi otto volte all'anno a Washington D.C., per esaminare il quadro economico finanziario e prendere le dovute decisioni riguardanti la politica monetaria, per garantire una stabilità dei prezzi.

Le riunioni sono strettamente riservate e vi possono partecipare solo il personale e la Commissione, un numero limitato di collaboratori del Consiglio e i rimanenti presidenti delle banche federali distrettuali, non membri del FOMC.

FOMC Minutes

A seguito di ogni incontro vengono pubblicati, nell'arco di qualche settimana, i verbali del Federal Open Market Committee, così detti "Minutes". Le minute sono dei sunti riguardanti i meeting tenuti, che rendono di pubblico dominio le decisioni prese e le questioni dibattute, i punti principali della riunione e relativo ordine del giorno, l'esito delle votazioni e le decisioni prese dalla commissione, riguardante l'andamento del quadro economico monetario nazionale ed internazionale. Il tutto visibile attraverso il portale www.federalreserve.gov/fomc.

Questi verbali, anticipano in qualche modo l'andamento economico e la politica monetaria e, grazie ai loro dati, il mondo finanziario economico può trarre preziose informazioni.

Il Board of Governor (consiglio dei Governatori) ha l'obbligo di presentare due volte all'anno le relazioni (che devono essere firmate dal presidente del FOMC) inerenti la situazione economica e le relative attuazioni politico monetarie, mentre annualmente viene redatto il documento contenete l'esaustivo resoconto annuale.

La Commissione del Federal Open Market Committee

La Commissione del Federal Open Market Committee è rappresentata da: il Presidente della Federal Reserve Bank di New York (ora Janet Yellen, precedentemente retta da Ben Shalom Bernanke) , i sette membri che compongono il Consiglio dei Governatori (Board of Governors) e quattro degli undici rimanenti presidenti delle banche distrettuali della FED.

Per maggiori informazioni: FOMC



Diario di un trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

La settimana scorsa si è chiusa all’insegna della Cina e dei suoi problemi e la nuova si apre con la Bce e i dati dell'inflazione europea .

Diario di un trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

Jackson Hole: banche centrali con armi sempre più spuntate?

Inizia oggi la riunione di Jackson Hole in Wyoming dei banchieri centrali, un appuntamento particolarmente sentito visto il cambio di rotta avvenuto durante l'anno.

Jackson Hole: banche centrali con armi sempre più spuntate?

Le attese sui mercati tra Jackson Hole e Ventotene

Quella che si apre è una settimana di transizione che vede i mercati uscire dal tunnel ferragostano.

Le attese sui mercati tra Jackson Hole e Ventotene

Moody's taglia le stime del Pil Usa: le elezioni sono un rischio

La Fed non lancia messaggi chiari e in mancanza di una direzione precisa i mercati intuiscono che i tassi bassi potrebbero essere il trend più in voga per il prossimo futuro. Intanto Moody's taglia le prospettive per il Pil Usa ma aumenta quelle per il Pil cinese.

Moody's taglia le stime del Pil Usa: le elezioni sono un rischio

Anche il Sun è pro-Brexit: Piazza Affari in bilico, poi cede

Prima conseguenza sulla sterlina è la debolezza contraddistinta dai numeri: la divisa inglese si mantiene in area 1,416 e sui mercati torna la tendenza al fly to quality.

Anche il Sun è pro-Brexit: Piazza Affari in bilico, poi cede

Giorni difficili per il FTSE MIB: cosa aspettarsi nel breve?

Piazza Affari torna debole dopo la giornata di ieri contraddistinta da un avvio spumeggiante. La Banca mondiale taglia ancora le stime di crescita e l'atmosfera sui mercati si fa pesante. Come gestire la situazione? La view di Filippo Diodovich Market Strategist per IG

Giorni difficili per il FTSE MIB: cosa aspettarsi nel breve?

Beige Book in chiaroscuro: l'economia Usa cresce moderatamente

Ieri sera sono stati pubblicati i risultati del Beige Book il report elaborato dalla Fed e che disegna il quadro della situazione dei maggiori distretti economici statunitensi.

Beige Book in chiaroscuro: l'economia Usa cresce moderatamente

Non fidatevi del Ftse Mib. Ecco perchè

Ultimamente Piazza Affari ha registrato un andamento particolarmente altalenante e che spesso si è discostato dal resto dell'Europa. Come interpretare tutto questo e soprattutto cosa aspettarsi dall'arrivo di un'estate sempre più enigmatica? A rispondere è Riccardo Fracasso consulente finanziario ed autore del blog Finanza e Dintorni.

Non fidatevi del Ftse Mib. Ecco perchè

Mercati: tutti i nodi da sciogliere adesso

Settimana particolarmente densa di avvenimenti quella che si apre oggi, avvenimenti che condizioneranno le scelte degli investitori nei prossimi giorni e, in alcuni casi, anche nelle prossime settimane.

Mercati: tutti i nodi da sciogliere adesso

Diverse incertezze pesano sulle Borse: le strategie nel breve

Per affrontare i mercati azionari in questa fase ci vuole un approccio prudente, come segnalato dagli esperti di Anima SGR che hanno però una view negativa su Wall Street. I titoli e i temi da seguire nel breve.

Diverse incertezze pesano sulle Borse: le strategie nel breve

Paura a Piazza Affari: come gestire il secondo trimestre?

Piazza Affari arretra di fronte alle più che esplicite parole della Bce e di Mario Draghi il quale avvisa su una debolezza troppo estrema dell’Europa.

Paura a Piazza Affari: come gestire il secondo trimestre?

Fed: e se a settembre ri-tagliasse i tassi?

Le colombe son tornate. Questo si è capito nell’ultimo comunicato che ha insinuato il dubbio che la crescita, compresa quella degli Usa, non sarà poi così forte da poter reggere ulteriori strette per il prossimo, immediato futuro.

Fed: e se a settembre ri-tagliasse i tassi?

Borse contrastate: ancora troppi i rischi

Borse contrastate questa mattina: da una parte Piazza Affari parte positiva, ma poco dopo gli entusiasmi cedono e intorno alle 10.30 arriva a toccare -0,6, con il resto del Vecchio Continente che la segue in territorio negativo. Cosa sta succedendo? La view di Filippo Diodovich Market Strategist per IG.

Borse contrastate: ancora troppi i rischi

L'evento del giorno: la Fed. Siamo sicuri che è un non evento?

La volta scorsa dalla Banca Centrale statunitense è arrivata la decisione storica di un rialzo dei tassi dopo circa 10 anni di condizioni accomodanti. Ma allora il 2016 e i suoi ribassi non si erano ancora manifestati.

L'evento del giorno: la Fed. Siamo sicuri che è un non evento?

Soros: presto una crisi come nel 2008. E non è il solo a dirlo

In questo momento di panico per i mercati la parola d’obbligo è calma e sangue freddo. Eppure gli echi del crollo del 2008 tornano a farsi minacciosi.

Soros: presto una crisi come nel 2008. E non è il solo a dirlo

Parità Euro-Dollaro? Meglio aspettare fino a marzo

Le attese sulle mosse della Bce potrebbero essere troppe, tanto che, come conferma Vincenzo Longo Market Strategist di IG, invece che tirare fuori il bazooka, Mario Draghi potrebbe preferire usare la pistola.

Parità Euro-Dollaro? Meglio aspettare fino a marzo
apk