Inflazione

Inflazione, aumento generalizzato dei prezzi

L'inflazione è uno stato dell'economia reale, che vede l'aumento generalizzato del livello dei prezzi in un dato periodo di tempo. Questo, genera, a parità di condizioni, una diminuzione del potere d'acquisto della moneta nazionale. Se si eleva infatti il prezzo dei beni in commercio, ogni unità di moneta potrà acquistare un quantitativo inferiore di assets e i compratori vedranno "eroso" il proprio potere contrattuale.

Storia ed effetto dell'inflazione

Il termine inflazione deriva dal verbo latino "inflatio" ovvero "gonfiato" e, in economia, si riferisce al maggiore livello medio dei prezzi.
Per quanto la storia presenti casi di inflazione risalenti addirittura ai tempi dell'antico regno egizio e sumero, le economie di ogni tempo non sono mai state in grado di gestire tale fattore a piacimento o di avere per le mani strumenti assolutamente validi a modificarne l'ammontare.

L'effetto che l'inflazione ha sul mercato reale è stata a lungo studiata. Come dimostrato dagli studi condotti a seguito della prima Guerra Mondiale, la spirale inflazionistica era divenuta così rilevante che non appena la gente era in possesso di nuovo denaro, provvedeva immediatamente ad acquistare i beni di cui necessitava, onde evitare che l'incremento dell'inflazione portasse ad un ulteriore diminuzione del proprio potere d'acquisto. In tal modo il ciclo degli acquisti cresceva a mano a mano con l'inflazione.

Dal canto opposto, un caso di diminuzione dell'inflazione (fino al raggiungimento di una situazione deflattiva) porta ad un abbassamento generalizzato dei prezzi che, a dispetto da quanto si possa pensare, non agevola l'acquisto: la diminuzione dei costi d'acquisto fa nascere la convinzione che un ulteriore sconto di prezzo sia alle porte, dilungando i termini della compravendita.

3 tipi di inflazione

Nello studio macroeconomico, tra le principali cause alla base dell'inflazione vi sono:

-livello della domanda, il cui eccesso o la cui crescita sostanziale porta, a parità d'offerta, ad un aumento dei prezzi (Teoria keynesiana)
-livello dei costi, in cui un incremento dei costi di produzione conduce naturalmente ad un incremento del costo del prodotto finito (Teoria di Phillips).
-livello della moneta, che, portato ad una soglia di espansione esagerata (e dunque ad una diminuzione del valore intrinseco della moneta) determina un incremento apparente del danaro in portafoglio, creando incentivo all'acquisto. Questo accresce la domanda, che a sua volta accresce l'inflazione.
A tal proposito, secondo la scuola austriaca, inflazione significa proprio aumento della base monetaria, da cui poi consegue direttamente un incremento dei prezzi.
La crescita della base monetaria, inoltre, può essere a sua volta determinata da una ricerca di svalutazione della divisa nazionale (volta a rendere più competitiva a livello di import l'economia locale); questo può generare a sua volta un maggiore livello dell'inflazione interna.

Pro e contro dell'inflazione

Sul mercato finanziario, l'incremento dell'inflazione comporta un maggiore interesse nei confronti dell'acquisto di beni rifugio, in grado di preservare nel tempo il proprio valore intrinseco.

Tra gli effetti negativi peggiori vi è invece quello legato al rapporto tra costo del lavoro ed inflazione: un incremento della produzione e dell'occupazione porta necessariamente ad una necessità di contenimento del costo del lavoro, che finirebbe altrimenti per annullare l'effetto positivo dato dallo sviluppo del business. Il perseguimento di una politica volta all'aumento dell'occupazione assieme con la bassa inflazione non è concepibile nella natura economica e le politiche monetarie dovranno dunque esser spinte a ricercare strade alternative per far sì che i maggiori costi non vanifichino l'incremento della produzione.

Per maggiori informazioni: INFLAZIONE



Usa: i possibili rischi di un (eventuale) rialzo dei tassi

In Europa i mercati girano in positivo aiutati anche dai dati del Pil del quarto trimestre 2017 ma dall'altra parte dell'oceano la situazione è più complessa.

Usa: i possibili rischi di un (eventuale) rialzo dei tassi

Mercati ancora in calo, ma c'è chi getta acqua sul fuoco

Le preoccupazioni di chi vedeva il mercato statunitense correre troppo, nonostante buoni fondamentali, si sono avverate proprio in queste ore. Ma c'è chi getta acqua sul fuoco.

Mercati ancora in calo, ma c'è chi getta acqua sul fuoco

Borse: scatta l'allarme inflazione. La correzione durerà ancora?

L'esplosione di volatilità che sta investendo i mercati azionari è da ricondurre a diversi fattori. Gli analisti però non lanciano alcun allarme: ecco perchè.

Borse: scatta l'allarme inflazione. La correzione durerà ancora?

Il 2018 inizia in salute e inflazione contenuta

Relativamente alla scorsa settimana si riportano i più importanti dati economici e se ne evidenzia l’impatto complessivo con un breve commento.

Il 2018 inizia in salute e inflazione contenuta

Morgan Stanley: gli scenari che sorprenderebbero il consensus

Il 2017 è stato l'anno perfetto per i mercati che hanno potuto approfittare di un equilibrio fra le condizioni migliori per riuscire a dar vita a un rally tuttora in corso, in particolare sui listini Usa.

Morgan Stanley: gli scenari che sorprenderebbero il consensus

Usa al centro della scena per i prossimi mesi

Il 2017 ormai è storia e come tutto ciò che è storia verrà ricordato per quello che ci ha lasciato. Prima di tutto una serie di record a Wall Street.

Usa al centro della scena per i prossimi mesi

Goldman: ottimismo estremo solo prima della Grande Depressione

L'incertezza sul futuro dei mercati, in particolare di quelli Usa contrassegnati da una compulsiva corsa per infrangere continuamente record storici, ha portato persino gli esperti di Goldman Sachs a dividersi sul futuro.

Goldman: ottimismo estremo solo prima della Grande Depressione

Gli Usa al Thanksgiving Day. Con qualche ombra all'orizzonte

Dopo l'ennesimo record la preoccupazione sale di fronte all'ammissione della Fed circa un'inflazione che potrebbe continuare ad essere bassa a lungo.

Gli Usa al Thanksgiving Day. Con qualche ombra all'orizzonte

Goldman Sachs: per il 2018 Pil mondiale al 4%. Alert sull'Italia

Al giro di boa della mattinata Piazza Affari recita la parte della pecora nera sui mercati europei, a loro volta, però, in vantaggio solo decimale.

Goldman Sachs: per il 2018 Pil mondiale al 4%. Alert sull'Italia

Banche Centrali riunite a Francoforte: il punto sui mercati

A Francoforte sono riuniti i governatori delle maggiori banche centrali (13 in tutto). E i mercati attendono novità.

Banche Centrali riunite a Francoforte: il punto sui mercati

BTP Italia: Vade Retro!

La struttura di fondo dell'EU si basa sul recupero della competitività per mezzo del dumping salariale. Per questo comprare titoli legati all'inflazione presenta più rischi che opportunità.

BTP Italia: Vade Retro!

Telecom, Leonardo e Btp Italia osservati speciali

L'Italia osservata speciale sui mercati. E per più di un motivo. I protagonisti della prima seduta della settimana.

Telecom, Leonardo e Btp Italia osservati speciali

Mercati frizzanti ma le minacce restano in agguato

Quello che si sta delineando sul panorama mondiale è un quadro alquanto atipico

Mercati frizzanti ma le minacce restano in agguato

Bce: acquisti a 30 miliardi da gennaio. Euro in calo

Attualmente il QE della BCE si aggira sui 60 miliardi di acquisti mensili. Ma da gennaio le cose cambieranno.

Bce: acquisti a 30 miliardi da gennaio. Euro in calo

Natixis: preparatevi a un rallentamento dell’economia Usa

Queste parole arrivano come una specie di freno all'ottimismo dilagante che ha contagiato Wall Street dove si spera in un PIL che per il terzo trimestre arrivi al 2,5%

Natixis: preparatevi a un rallentamento dell’economia Usa

Mercati di nuovo nervosi. Prossimo step: la Bce. Le previsioni

Ieri si è registrato il ritorno dell'avversione al rischio sui mercati europei mentre anche quelli statunitensi hanno pensato di calmare la propria euforia.

Mercati di nuovo nervosi. Prossimo step: la Bce. Le previsioni
apk