Inflazione

Inflazione, aumento generalizzato dei prezzi

L'inflazione è uno stato dell'economia reale, che vede l'aumento generalizzato del livello dei prezzi in un dato periodo di tempo. Questo, genera, a parità di condizioni, una diminuzione del potere d'acquisto della moneta nazionale. Se si eleva infatti il prezzo dei beni in commercio, ogni unità di moneta potrà acquistare un quantitativo inferiore di assets e i compratori vedranno "eroso" il proprio potere contrattuale.

Storia ed effetto dell'inflazione

Il termine inflazione deriva dal verbo latino "inflatio" ovvero "gonfiato" e, in economia, si riferisce al maggiore livello medio dei prezzi.
Per quanto la storia presenti casi di inflazione risalenti addirittura ai tempi dell'antico regno egizio e sumero, le economie di ogni tempo non sono mai state in grado di gestire tale fattore a piacimento o di avere per le mani strumenti assolutamente validi a modificarne l'ammontare.

L'effetto che l'inflazione ha sul mercato reale è stata a lungo studiata. Come dimostrato dagli studi condotti a seguito della prima Guerra Mondiale, la spirale inflazionistica era divenuta così rilevante che non appena la gente era in possesso di nuovo denaro, provvedeva immediatamente ad acquistare i beni di cui necessitava, onde evitare che l'incremento dell'inflazione portasse ad un ulteriore diminuzione del proprio potere d'acquisto. In tal modo il ciclo degli acquisti cresceva a mano a mano con l'inflazione.

Dal canto opposto, un caso di diminuzione dell'inflazione (fino al raggiungimento di una situazione deflattiva) porta ad un abbassamento generalizzato dei prezzi che, a dispetto da quanto si possa pensare, non agevola l'acquisto: la diminuzione dei costi d'acquisto fa nascere la convinzione che un ulteriore sconto di prezzo sia alle porte, dilungando i termini della compravendita.

3 tipi di inflazione

Nello studio macroeconomico, tra le principali cause alla base dell'inflazione vi sono:

-livello della domanda, il cui eccesso o la cui crescita sostanziale porta, a parità d'offerta, ad un aumento dei prezzi (Teoria keynesiana)
-livello dei costi, in cui un incremento dei costi di produzione conduce naturalmente ad un incremento del costo del prodotto finito (Teoria di Phillips).
-livello della moneta, che, portato ad una soglia di espansione esagerata (e dunque ad una diminuzione del valore intrinseco della moneta) determina un incremento apparente del danaro in portafoglio, creando incentivo all'acquisto. Questo accresce la domanda, che a sua volta accresce l'inflazione.
A tal proposito, secondo la scuola austriaca, inflazione significa proprio aumento della base monetaria, da cui poi consegue direttamente un incremento dei prezzi.
La crescita della base monetaria, inoltre, può essere a sua volta determinata da una ricerca di svalutazione della divisa nazionale (volta a rendere più competitiva a livello di import l'economia locale); questo può generare a sua volta un maggiore livello dell'inflazione interna.

Pro e contro dell'inflazione

Sul mercato finanziario, l'incremento dell'inflazione comporta un maggiore interesse nei confronti dell'acquisto di beni rifugio, in grado di preservare nel tempo il proprio valore intrinseco.

Tra gli effetti negativi peggiori vi è invece quello legato al rapporto tra costo del lavoro ed inflazione: un incremento della produzione e dell'occupazione porta necessariamente ad una necessità di contenimento del costo del lavoro, che finirebbe altrimenti per annullare l'effetto positivo dato dallo sviluppo del business. Il perseguimento di una politica volta all'aumento dell'occupazione assieme con la bassa inflazione non è concepibile nella natura economica e le politiche monetarie dovranno dunque esser spinte a ricercare strade alternative per far sì che i maggiori costi non vanifichino l'incremento della produzione.

Per maggiori informazioni: INFLAZIONE



Combattere la volatilità: ecco come

Mercati volatili, oggi come sempre più spesso accade. Piazza Affari era partita in territorio negativo con tutta l’Europa al suo seguito fino a metà mattinata quando il trend ha iniziato ad invertirsi

Combattere la volatilità: ecco come

Brexit: cosa cambia per noi comuni mortali (italiani e inglesi)?

I tempi per rinegoziare gli accordi e ratificare la decisione delle urne sono lunghi. Ma è il caso di fare due calcoli per capire che la Brexit non è solo una questione relegata ai massimi sistemi della finanza

Brexit: cosa cambia per noi comuni mortali (italiani e inglesi)?

La Bundesbank cambia (quasi) idea: il QE potrebbe essere utile

Dopo mesi e mesi di discordia, anche fortissima, tra i vertici della banca centrale europea e quelli di quella tedesca, sembra che si stia arrivando a un compromesso sulle rispettive vedute.

La Bundesbank cambia (quasi) idea: il QE potrebbe essere utile

Draghi conferma tutto: tassi, Tltro e acquisti su Corporate bond

La ripresa c’è anche se sta procedendo gradualmente, in maniera modesta ma stabile, intralciata dai mercati emergenti che rappresentano ancora un’incognita.

Draghi conferma tutto: tassi, Tltro e acquisti su Corporate bond

Piano Juncker per altri 3 anni: i vantaggi che ha avuto l'Italia

La situazione europea non è delle più rassicuranti soprattutto viste le manovre della Bce per riuscire a stimolare un'inflazione che non si decide a tornare e, ancora di più una domanda interna che resa anemica.

Piano Juncker per altri 3 anni: i vantaggi che ha avuto l'Italia

Europa in deflazione: Bce sempre più sotto accusa

I dati resi noti da Eurostat per maggio parlano di un’inflazione ancora negativa pari a -0,1% su aprile. Un risultato che ha creato più di una delusione, per quanto in linea con le attese degli analisti.

Europa in deflazione: Bce sempre più sotto accusa

I rialzi dei tassi della Fed possono far comodo a qualcuno?

Brexit, storico G7 in Giappone, l'avanzata dell'economia indiana, oro, petrolio e politiche monetarie mondiali. Sono questi i principali temi del 4° Question&Answer con gli esperti di CMC Markets.

I rialzi dei tassi della Fed possono far comodo a qualcuno?

Abenomics: rischio fallimento. Crolla fiducia su banche centrali

Il Giappone ancora in lotta con se stesso. Nonostante tutti i provvedimenti presi, le misure di stimolo tra le più radicali al mondo, i risultati languono. Le Banche Centrali hanno fallito?

Abenomics: rischio fallimento. Crolla fiducia su banche centrali

2016: chi sarà posizionato meglio nella seconda metà dell'anno?

In un momento storico in cui i punti interrogativi si moltiplicano e i salti nel buio rischiano di far male a più di un investitore, restano ancora delle isole felici sulle quali puntare?

2016: chi sarà posizionato meglio nella seconda metà dell'anno?

Pericolo di recessione tecnica per le aziende made in Usa?

La stagione delle trimestrali Usa è ormai in fase avanzata e i primi risultati non hanno deluso (più di tanto) le attese. Ma il cammino è ancora lungo e il peggio potrebbe essere dietro l’angolo.

Pericolo di recessione tecnica per le aziende made in Usa?

Portafoglio da riorganizzare: in vista l'evento clou dell'estate

Un evento in arrivo a causa del quale sarà meglio organizzare il proprio portafoglio in modo da permettergli di affrontare le intemperie in arrivo e di irrobustirlo così da restare saldo tra i moti ondosi che l’estate porterà con sè.

Portafoglio da riorganizzare: in vista l'evento clou dell'estate

Economia debole e rischio al ribasso. Ecco cosa ci attende

E' un quadro a tinte fosche quello che nasce dall'analisi di Hans Bievers, Capo Economista di Degroof Petercam. Per quanto non si possa parlare di recessione, resta il fatto che in questo frangente le prospettive restano estremamente incerte su tutti i fronti.

Economia debole e rischio al ribasso. Ecco cosa ci attende

Macro controversi. Ftse Mib recupera ma resta negativo: -0,1%

Una giornata ancora nervosa quella di oggi sulle borse europee. Piazza Affari resta ancora negativa per tutta la mattinata anche se il margine del pessimismo tende a diminuire all’avvicinarsi del giro di boa.

Macro controversi. Ftse Mib recupera ma resta negativo: -0,1%

La Bce avverte sull'arrivo di un peggioramento

Cautela. Tanta, mai troppa quella che la Bce si sente di raccomandare per il futuro della crescita. Una crescita che, per quanto in rialzo non appare così forte e convincente da riuscire a superare i tanti ostacoli che si frappongono.

La Bce avverte sull'arrivo di un peggioramento

Piazza Affari sempre giù (-2,46%) ed Euro su. Quali i problemi?

La moneta unica è partita in rally contro il dollaro arrivando a toccare quota 1,16, il primo step di una scalata che gli analisti temono possa portare a 1,17.

Piazza Affari sempre giù (-2,46%) ed Euro su. Quali i problemi?

Le 4 domande da porsi quest'estate

Chiunque abbia iniziato questo 2016 con la serenità che si era prefissato, visto il periodo storicamente favorevole all’ottimismo, si è dovuto ricredere molto presto .

Le 4 domande da porsi quest'estate
apk