Inflazione

Inflazione, aumento generalizzato dei prezzi

L'inflazione è uno stato dell'economia reale, che vede l'aumento generalizzato del livello dei prezzi in un dato periodo di tempo. Questo, genera, a parità di condizioni, una diminuzione del potere d'acquisto della moneta nazionale. Se si eleva infatti il prezzo dei beni in commercio, ogni unità di moneta potrà acquistare un quantitativo inferiore di assets e i compratori vedranno "eroso" il proprio potere contrattuale.

Storia ed effetto dell'inflazione

Il termine inflazione deriva dal verbo latino "inflatio" ovvero "gonfiato" e, in economia, si riferisce al maggiore livello medio dei prezzi.
Per quanto la storia presenti casi di inflazione risalenti addirittura ai tempi dell'antico regno egizio e sumero, le economie di ogni tempo non sono mai state in grado di gestire tale fattore a piacimento o di avere per le mani strumenti assolutamente validi a modificarne l'ammontare.

L'effetto che l'inflazione ha sul mercato reale è stata a lungo studiata. Come dimostrato dagli studi condotti a seguito della prima Guerra Mondiale, la spirale inflazionistica era divenuta così rilevante che non appena la gente era in possesso di nuovo denaro, provvedeva immediatamente ad acquistare i beni di cui necessitava, onde evitare che l'incremento dell'inflazione portasse ad un ulteriore diminuzione del proprio potere d'acquisto. In tal modo il ciclo degli acquisti cresceva a mano a mano con l'inflazione.

Dal canto opposto, un caso di diminuzione dell'inflazione (fino al raggiungimento di una situazione deflattiva) porta ad un abbassamento generalizzato dei prezzi che, a dispetto da quanto si possa pensare, non agevola l'acquisto: la diminuzione dei costi d'acquisto fa nascere la convinzione che un ulteriore sconto di prezzo sia alle porte, dilungando i termini della compravendita.

3 tipi di inflazione

Nello studio macroeconomico, tra le principali cause alla base dell'inflazione vi sono:

-livello della domanda, il cui eccesso o la cui crescita sostanziale porta, a parità d'offerta, ad un aumento dei prezzi (Teoria keynesiana)
-livello dei costi, in cui un incremento dei costi di produzione conduce naturalmente ad un incremento del costo del prodotto finito (Teoria di Phillips).
-livello della moneta, che, portato ad una soglia di espansione esagerata (e dunque ad una diminuzione del valore intrinseco della moneta) determina un incremento apparente del danaro in portafoglio, creando incentivo all'acquisto. Questo accresce la domanda, che a sua volta accresce l'inflazione.
A tal proposito, secondo la scuola austriaca, inflazione significa proprio aumento della base monetaria, da cui poi consegue direttamente un incremento dei prezzi.
La crescita della base monetaria, inoltre, può essere a sua volta determinata da una ricerca di svalutazione della divisa nazionale (volta a rendere più competitiva a livello di import l'economia locale); questo può generare a sua volta un maggiore livello dell'inflazione interna.

Pro e contro dell'inflazione

Sul mercato finanziario, l'incremento dell'inflazione comporta un maggiore interesse nei confronti dell'acquisto di beni rifugio, in grado di preservare nel tempo il proprio valore intrinseco.

Tra gli effetti negativi peggiori vi è invece quello legato al rapporto tra costo del lavoro ed inflazione: un incremento della produzione e dell'occupazione porta necessariamente ad una necessità di contenimento del costo del lavoro, che finirebbe altrimenti per annullare l'effetto positivo dato dallo sviluppo del business. Il perseguimento di una politica volta all'aumento dell'occupazione assieme con la bassa inflazione non è concepibile nella natura economica e le politiche monetarie dovranno dunque esser spinte a ricercare strade alternative per far sì che i maggiori costi non vanifichino l'incremento della produzione.

Per maggiori informazioni: INFLAZIONE



Niente azioni, per JP Morgan l'asset vincente è un altro

Il 2016 è nato sotto la stella dello scetticismo e prosegue la sua strada a braccetto dell'incertezza. Per questo motivo gli esperti, che più di una volta si sono trovati a dover rivedere le loro previsioni, si dividono. Ma quelli di JP Morgan sono convinti di una cosa: non saranno le azioni le protagoniste dei mercati.

Niente azioni, per JP Morgan l'asset vincente è un altro

Prime conseguenze del nuovo QE: in rally 2 protagonisti

Partito il rally degli asset che, per primi, si possono avvantaggiare del QE europeo, quello annunciato da Mario Draghi giovedì scorso. In pole position 2 protagonisti.

Prime conseguenze del nuovo QE: in rally 2 protagonisti

Faber: le banche centrali preparano un socialismo mondiale

Il catastrofista da tempo sta osservando le manovre delle banche centrali mondiali e non può fare a meno di lanciare il suo allarme su quello che lui stesso definisce il pericolo di un socialismo globale.

Faber: le banche centrali preparano un socialismo mondiale

Piazza Affari oltre il 3%. Le opinioni degli analisti sul QE

Prima lo scatto, poi il ritracciamento. Oggi torna l'euforia. Cosa sta succedendo? Questo QE di Mario Draghi è piaciuto oppure no?

Piazza Affari oltre il 3%. Le opinioni degli analisti sul QE

I 3 motivi per cui le borse hanno bocciato Draghi

Ieri Mario Draghi e i suoi colleghi della Bce hanno consegnato un Quantitative Easing talmente ampliato e potenziato da far sorprendere persino gli analisti su una presa di posizione così estrema. Troppo.

I 3 motivi per cui le borse hanno bocciato Draghi

Super-QE: l'euforia dura poco. Milano a -0,5%. Cosa è successo?

Inizialmente si credeva che le parole di Mario Draghi sarebbero state un elisir di lunga vita per i mercati, invece sono state solo un'iniezione di doping, qualcosa per movimentare un po' una situazione che poi si è rivelata ancora depressa.

Super-QE: l'euforia dura poco. Milano a -0,5%. Cosa è successo?

QE un anno dopo: pro e contro di ieri e (forse) di domani

Dopo praticamente un anno dal varo, Mario Draghi torna sulle orme del suo Quantitative Easing per decidere di modificarlo ampliandolo.

QE un anno dopo: pro e contro di ieri e (forse) di domani

L'Europa del 2019 secondo Goldman Sachs

Protagonista, almeno per le percentuali maggiori in zona euro, la periferia la quale con una Spagna in crescita del 3,2%nel 2015 potrebbe infondere un ottimismo anche se le sorprese arriveranno anche da altri.

L'Europa del 2019 secondo Goldman Sachs

Torna la deflazione. E per Citigroup anche la guerra valutaria

A un anno dalla sua nascita il QE porta in dote lo scherzetto di una deflazione che ritorna un po’ su tutto il Vecchio Continente, prima di tutto in Italia.

Torna la deflazione. E per Citigroup anche la guerra valutaria

La nuova era del mondo finanziario

Nella tempesta il faro dei mercati è sempre stato la banca centrale. Una qualsiasi dal momento che da qualche tempo hanno iniziato a percorrere, bene o male, la stessa strada.

La nuova era del mondo finanziario

Il mix letale che sta distruggendo i mercati oggi

Piazza Affari a -20% da inizio anno e a -2,7% oggi con punte anche di -3,30% , mentre tra bancari nella tempesta e il resto del panorama internazionale l’unica certezza è che la volatilità resterà ancora a lungo e, con essa i tanti consigli sulla liquidità come unico strumento per riuscire a destreggiarsi nella tempesta.

Il mix letale che sta distruggendo i mercati oggi

Nuova vittima illustre del petrolio: -87% sull’utile netto

Il crollo dei prezzi del greggio sta mietendo ora le sue vittime più illustri dopo aver decimato il sottobosco fin troppo fitto dei piccoli e piccolissimi produttori statunitensi.

Nuova vittima illustre del petrolio: -87% sull’utile netto

Draghi: da marzo si cambia musica

Nuovi problemi si affacciano sull'area euro. O per meglio dire i vecchi problemi si sono acuiti e non si è riusciti ancora a risolverli.

Draghi: da marzo si cambia musica

Il peggior nemico secondo la Bce

Il presidente della Bce, Mario Draghi non perde occasione per sottolineare che quest'anno le prospettive di crescita restano incerte a differenza di un ottimismo che si era diffuso inizialmente tra gli analisti a metà dello scorso anno.

Il peggior nemico secondo la Bce

Mercati: perchè adesso va magicamente tutto bene?

Chiunque vive sui mercati e di mercati ha anche imparato una grande verità e cioè che la mente deve assomigliare più ad un ombrello e cioè per funzionare ha bisogno di essere aperta.

Mercati: perchè adesso va magicamente tutto bene?

Piazza Affari: il rimbalzo c'è ma resta la volatilità

Dopo la bufera degli ultimi giorni Piazza Affari torna a correre e lo fa dalle prime ore di contrattazione con il Ftse Mib che già in fase d'apertura segnava +1,41 intorno alle 9.30. Peccato che mezz'ora dopo si cambia strada...

Piazza Affari: il rimbalzo c'è ma resta la volatilità
apk